giovedì 17 aprile 2014

Il mio Vinitaly, le cronache (quasi) in diretta dal salone di Verona





Quest'anno a Vinitaly mi sono proprio divertita. Adoro quel delirio, impregnato dagli odori di vino, quel continuo correre da un padiglione all'altro, tra le degustazioni, gli eventi e gli incontri; quel richiamarsi "...ma dove sei?.. In  Toscana? Io in Fliuli, ci vediamo tra 5 minuti nelle Marche". Certo, l'assenza della connessione fuori dalla sala stampa ha costituito un buon bastone tra le ruote di chi doveva lavorare ( ma anche chi voleva semplicemente fare un pò di cronaca in diretta), ma d'altra parte non si può avere tutto. Così ci si beve sopra -  ed era proprio il caso di dirlo. Però non scrivo nulla di particolare in questo post, tutte le mie esperienze enologiche e mondane le potete trovare negli archivi di Scatti di Gusto (con i link relativi sotto)

Aggiungo giusto due-tre cosine divertenti. Ho fatto ridere di gusto Luigi Salvo, il bravissimo sommelier che ho conosciuto a Marsala l'anno scorso. Lo vedo davanti a me in sala stampa, non ci penso due volte, lo chiamo, lui si gira ed io dico: "Ciao, sei il mio sommelier preferito, ci siamo conosciuti a Marsala, e chi se la scorda, l'orizzontale di 16 Grillo!.." Un'altra volta, incontrato due amici produttori, me ne esco con "Mi sento molto Bianconiglio, scappo, è tardi!.." Ed uno di loro:" Questa te la rubo!"

Ho fatto una nuova scoperta di bollicine rosé, nuova per il modo di dire, perché non avevo mai approfondito io con loro. Sto parlando di Rotari. Ho riconfermato il mio affetto per Monterossa. Ed ho rivisto con grande piacere gli amici di Siddùra, la cantina sarda che adoro fin dal primo sorso.

E dopo 4 giorni diVini e di adrenalina, già non vedo l'ora di tornare per seguire la nuova edizione!





Vinitaly 2014. Assaggi di vino in diretta dal salone di Verona

Vinitaly 2014. Più del sangiovese poté la vigna con SPA di Roccafiore

Vinitaly 2014. Assaggi di vino in diretta dal salone, il lunedì

Vinitaly 2014. Immagini dal salone a partire dai vini estremi e dal tacco 12

Amarone, cioè la prima regola per vendere vino italiano in Russia

Vinitaly 2014. Cronaca di una giornata al salone: l’ultima, purtroppo





Nessun commento: