lunedì 7 maggio 2012

Maremma delle Meraviglie, La Maliosa e terme di Saturnia


  ...Ogni volta che vado in Toscana, mi sento come Alice nel Paese delle Meraviglie. Mi immergo nella dolcezza dei paesaggi, mi faccio cullare dal senso di pace che aleggia nell'aria, mi lascio incantare  dai profumi della natura, mi sento davvero nell'altro mondo fuori dal mondo, dove manca solo il Bianconiglio da inseguire, ma che forse c'è anche se non lo vedo...

Troppo romantica? No, non direi, è che in una domenica uggiosa come oggi provo il doppio piacere nel ricordare le belle giornate passate fuori, le persone incontrate, le esperienze vissute e le cose nuove imparate.  E mentre mi trovo in questo full immersion sensoriale, lascio andare le mie mani, le mie dita a seguire la mente e a trascrivere le parole e le immagini che nascono dalla mia memoria. Praticamente un esercizio di psicologia. :-)

Ma torniamo alla Maremma. Esattamente 15 giorni fa ( ma come vola il tempo!..) io e alcuni altri blogger siamo stati ospiti della Fattoria La Maliosa , azienda di agricoltura biodinamica (ed è questa la parola chiave!) e in seguito, delle Terme di Saturnia ( e chi non le conosce?!)









Fattoria La Maliosa è nata da un'idea di agricoltura naturale, non solo biologica, ma biodinamica, di Antonella Manuli (nella foto a destra). Confesso, del biodinamico non sapevo niente, ne ho solo sentito parlare in qualche occasione, ed è per questo ero impaziente di scoprire di cosa di trattava. In poche parole, è il modo di coltivare basato sulla scelta di qualità e non di quantità, di seguire i ritmi e esigenze della natura, di rispettare l'ambente e le tradizioni secolari, usando i metodi, si, di una volta, ma perfezionati e modernizzati.


Arrivati alla Fattoria, siamo vicino ad un vigneto, aspettando di iniziare la visita.


Godetevi una passeggiata in mezzo ai vigneti e uliveti assolati insieme a me...


Il vigneto è pieno di fiori e di erbe selvatiche, ma non è perché trascurato: l'agricoltura biodinamica prevede infatti la semina dei sovesci (un mix di piante) per aumentare la fertilità del terreno in modo del tutto naturale.





Non è una splendida visione?..


I campi fioriti non invadono solo le vigne, ma anche l'uliveto. E, l'utilità pratica a parte, per me è anche una questione estetica, è bellissimo vedere tutti questi colori, è meglio della cromoterapia!


Prima di raggiungere gli uliveti, ci fermiamo a metà strada dove Enrico Bachechi ci racconta i dettagli del suo lavoro e ci fa vedere due preziosi preparati che usa per fertilizzare il terreno e le piante: il cornoletame e il cornosilice, o semplicemente i preparati 500 e 501.


Non mi stancherò mai di incantevoli paesaggi toscani, mi regalano un incredibile senso di pace e la pace dei sensi, hanno un che di magico, di miracoloso...


E dopo la magnifica passeggiata in mezzo alla natura, ci fermiamo a fare il picnic sotto gli ulivi, con il panorama da 5 stelle.


Potete solo immaginare quello che abbiamo mangiato: tutti prodotti del territorio e della fattoria,


... innaffiati dal vino e olio biodinamici. E la differenza si sente.


Prima di iniziare però, Fausto Borella, maestro d'olio di Lucca, con il fare da vero artista, ci fa fare una degustazione dell'olio. Spettacolare!






Sicuramente qualcuno ( o più di qualcuno) si domanda come mai posto sempre le foto di vini, di bicchieri, di bottiglie, di quei momenti (magici) quando il nettare (di)vino lascia un contenitore per riempire l'altro. Semplicemente lo amo. Amo quei movimenti, i colori, le trasparenze dei calici; amo i profumi, i sapori e le sfumature di vino, unici e ineguagliabili. E voi?..


Nell'agricoltura biodinamica la vinificazione avviene in modo naturale, le uve bianche vengono fatte macerare con le bucce ( come le uve nere), la fermentazione avviene solo con i lieviti delle uve, e l'affinamento  - in barrique di rovere, di legno usato, mai nuovo.


Dopo un bel picnic, la degustazioni di vini e di oli, il riposino sotto gli ulivi, è arrivato il momento di rilassarci nelle calde acque delle Terme di Saturnia. Una goduria!...
Personalmente conosco queste terme da almeno 15 anni, in passato ho fatto dei soggiorni e le visite giornaliere, però mancavo da un pò di anni. Inutile dire quanto sono stata felice di ritrovarmi cullata dalle acque termali alla temperatura naturale di 37° che sgorgano alla velocità di 800 l al secondo dalla sorgente posizionata esattamente sotto la piscina, che ha come base il cratere vulcanico, e che impiegano ben 40 anni per raggiungere la superficie.


La SPA: un insieme di bagno turco, la sauna finlandese e la cascata di ghiaccio, da strofinare sul viso e sul corpo, indispensabile dopo il calore delle saune.





Finalmente, a malincuore, decidiamo di andarcene, ma solo perchéa Montemerano ci aspettavanoValeria Piccini con il marito Maurizio nel loro ristorante Da Caino e un bel letto nella locanda sopra il ristorante. Prima di raggiungerli però abbiamo ammirato le vecchie ma sempre belle Mercedes, perché quel giorno c'è stato il raduno delle Mercedes d'Epoca in Toscana, proprio a Saturnia.


Strada facendo, ci siamo fermati ad ammirare ancora un pò il paesaggio e le famose cascate del Mulino dove scorrono le stesse acque  termali...


5 commenti:

edvige ha detto...

Favoloso avrei voluito esserci anch'io la Toscana bella...grazie della passeggiata Buona settimana

Manuela e Silvia ha detto...

Ciao, la Maremma ancora ci manca da visitare ma dopo questo tour fotografico...
Un'esperienza indimenticabile!
baci baci

lea ha detto...

Che meraviglia! Grazie per aver condiviso con noi questa bella esperienza...

Cey ha detto...

Quando sono andata a Saturnia ci ho lasciato un pezzettino di cuore =)

edvige ha detto...

Ciao ce una sorpresa per te passa sul mio blog

Related Posts with Thumbnails