venerdì 21 gennaio 2011

Praga gastronomica


questo post è pubblicato anche su Viaggi golosi dei Foodbloggers


Dopo un pò di cucinamenti, torniamo a Praga, d'accordo? Anche se il giro di oggi sarà quello gastronomico. 
Come prima cosa: sicuramente, tutti sanno che la Repubblica Ceca è uno dei pochi paesi dove lìassenzio è legale. Certo, non è quello di una volta, non è così potente e non c'è più pericolo di farsi male, avvelenarsi e avere le allucinazioni, intanto c'è.
A Praga ci sono dei negozietti tipo quello della foto: AbsinthShop.



Là vi propongono i cocktail a base di assenzio (e non solo) e anche cannabis. Si-si, vendono cannabis a peso (12 euro 1 grammo) e, a richiesta, preparano anche le canne. :-))  Si dice che a partire da 1 gennaio è diventato legale anche fumare la marihuana. Sembra che Praga voglia diventare una sorta di Amsterdam...

Ma che s'entra con la gastronomia?.. Infatti, niente! Anche sel'assenzio con la zolletta di zucchero in fiamme, come si faceva una volta, è affascinante!

Aaa, dimenticavo la Becherevka -  il digestivo tradizionale ceco a base di erbe, molto profumato e buonissimo! Non mi sono venute le foto, casomai, fotorgafo la bottiglia in casa. :-))

D'accordo, passiamo al cibo.

Prima di tutto -  il mio amato street food. Al mercatino di Natale c'erano unsacco di banchi con i bracieri e i girarrosti dove si cuocevano le salsicce e si arrostivano i prosciutti, quei famosi prosciutti di Praga affumicati.




Immaginate: fa freddo, almeno 10 gradi sottozero, l'aria limpida e pungente, si avvicina l'ora di pranzo. E in giro si sentono i profumi pazzeschi di fumo, di brace, di carne arrosto... Da svenire!
Questo bel pezzo di prosciutto con pane al cumino e, volento, le salse (ma anche no), veniva su 100 corone (4 euro).
IL pranzo fantastico, credetemi!



Invece questi "girarrosti", questi spiedi si chiamano trdlo. Girano molto velocemente, e non si riusciva a fare una foto decente. Comunque, intorno allo spiedo c'è una lunga striscia di pasta lievitata con lo zucchero e la cannello che si cuoce così. Una volta pronta la pasta, la si stacca e la si ripassa nello zucchero con la cannella. Si mangia calda, è buonissima, anche se preferisco quel pezzo di maiale di sopra!

Si vendevano anche le bevande calde: il vino caldo ( tipo il vin brulé, anche se non era un granché) e la medovina, bevanda calda leggermente alcolica al miele. Meravigliosa! Quello che serviva per riscaldare le mani ghiacciate che non riuscivano a tenere la macchina fotografica (infatti, le foto di medovina non ci sono!)

Si dice che in Republica Ceca la birra è ottima. Non so, non amo la birra in generale, una volta l'abbiamo pure bevuta in un pub, ma non ci è piaciuta. Sarà stata una scelta sbagliata?..


Comunque, birra a parte, in R.C. c'è un antipasto molto tradizionale, popolare: sono queste salsiccine, tipo wurstel, marinate con l'aceto e la cipolla. Un pò forti, acidine, ma buonissime!

Voi pensate forse che era il piatto per 4?.. No, per due... 700 g di carne mista )manzo, maiale e pollo) con le salse più una marea di contorni: patate, fagiolini, insalata...

Questa è una birreria al centro, vicino alla piazza centrale. Si chiama Kozicka (Capra), sta in zona: Praha 1, ul. Kozi 1,

A proposito di bere. Incredibile, ma vero: a Praga abbiamo bevuto i vini niente male. Ovviamente, non stanno al livello dei Brunelli e Baroli, ma un Merlot o un Pinot Noir discreto. Vengono tutti dalla Moravia (zona al sud della R.C.) e ricordate le etichette: se li vedete, prendeteli, sarà una degustazione piacevole.
Ovviamente, un paio di volte ci era capitato anche un vinello tipo quelli nei tetrapac dei supermercati, ma era normale (capitava quando non li sceglievo io!)


Questa è una zuppa di cipolle superlativa! Cremola, saporita, con formaggio di capra e pinoli.
Qui stiamo al ristorante "Lvi Dvur", a Hrad ( U Prašného mostu 6/51
118 00 Praha 1). L'ambintazione è bellissima, il servizio è eccellente, i cibi ottimi. I prezzi un pò cari, si.. ma siamo al centro, in zona turistica, che volete fare?..

la loro specialità è il maialino da latte arrostito (tipo la porchetta, ma 100 volte più buono!) Delicato, tenero, la crosticina -  da vendere l'anima!


Questo invece è il ristorante dove abbiamo festeggiato il Capodanno, "U císařů" (Loretánská 175/5
118 00 Praha 1 - Hradčany)
. E' il tipico ristorante ceco, con la cantina, soffitti con le travi, tavoli e sedie di legno massiccio, pesanti. Siamo stati  a festeggiare il nuovo anno con 2 coppie di amici, siamo divertiti da matti!
C'era la musica, l'orchestrina e anche il pianista, abbiamo ballato, mangiato e bevuto ( in ordine sparso).


IL menù era tutto a base di oca: paté di oca, poi fegato di oca con zucchine, poi coscia di oca arrosto... Tutto ottimo e raffinato.

Quanto champagne abbiamo bevuto, non ricordo... ma alla fine il conto era lievitato il doppio del prezzo della cena! ahahahah!
A mezzanotte ci hanno portato le mezzebottiglie per ognuno, e invece di brindare con i calici, abbiamo brandato con le bottiglie!

Una tranquilla passeggiata il giorno dopo. Siamo saliti sulla collina, con la funivia, e sulla strada di ritorno, in discesa, siamo fermati in questo ristorante ( non ricordo come si chiama ne come cercarlo). Si dice che era il preferito dell'ex presidente della R.C.
Una bevanda calda al rhum, un tè alla vaniglia.. e la vita è ritornata a splendere!



Ma la scoperta più bella abbiamo fatto verso la fine del nostro soggiorno a Praga -  il ristorantino semplicemente meraviglioso dietro la Piazza principale. E' un hotel-ristorante, si chiama "Cerny Slon" Týnská 1 , Prague 1 (ovvero, Elefante nero, del perché non so niente, anche se è assai curioso il nome).
La sala è piccolina ma accogliente e molto bella. Il menù è abbastanza grande, ma c'è una sezione "cucina ceca". Siamo stati lì 2 volte, abbiamo ordinato di tutto e di più. Tutto, ma dico, tutto era perfetto! Saporito, gustoso, cucinato bene, al momento!
L'unico neo -  tutti ristoranti di Praga sono bui.. non riuscivo a scattare nemmeno una foto decente!
Comunque, quello che si intravvede, sono stinchi di agnello e di maiale, cinghiale e agro-dolce, frittelle lievitate con mirtilli e panna acida... e c'erano anche carni di maiale misti, anatra arrosto....

questa è la sala, in quel momento vuota. 
Lo consiglio vivamente!
I prezzi sono ottimi, il servizio è cortese ed efficente e la cucina è davvero perfetta!


Ecco, questo è stato il giro gastronomico... Breve, direte voi?.. Si, ma tante volte abbiamo mangiato a casa dei nostri amici, non è che stavamo sempre in giro per ristoranti!

Nella prossima, ultima puntata, vi darò un pò di dritte, parlerò magari di shopping, trasporti pubblici ecc.

22 commenti:

/Alessandro ha detto...

Ciao Giulia, ci devo proprio tornare a Praga, grazie dell'ottimo tour! In quel risotrante con le volte a botte ci sono stato anche io... forse 20 anni fa :-O
Ma la Becherovka l'hai assaggiata?
A presto

Passiflora ha detto...

Praga l'ho vista tanti anni fa in gita scolastica.. devo tornarci con tutti questi suggerimenti!
La birra ceca più buona secondo me è la Pillsner Urquell: amarognola e leggera, chiara, dissetante!
Buonissimi quei prosciutti e sono molto incuriosita dai dolcetti alla cannella!

Kitty's Kitchen ha detto...

che voglia di tornare a Praga Giulia e poi con le tue dritte sicuramente il viaggio sarebbe ancora più bello.
Non sapevo questa cosa della cannabis HIHIHI! :)

EliFla ha detto...

Che voglia di tornare a Praga....e stavolta in Inverno, nonostante il freddo!!!

E quegli arrosti....sublimi!!!Grazie e buon weekend, Flavia

Barbara ha detto...

Bellissimo post Giulia! E sono felicissima di leggere che il nuovo blog sui viaggi golosi dei foodblogger è già stato inaugurato, evvai!

l'albero della carambola ha detto...

Rossa....sei tremenda! Mi vine voglia di comprare un biglietto e partire...Un saluto caro
simo

clamilla ha detto...

Ciao, sono Martina e vorrei invitarti, se ti fa piacere, a partecipare ad una bella raccolta di menù tradizionali italiani che il sito Giallo Zafferano ha organizzato in occasione dei 150 anni della nostra madre patria.
Trovi il regolamento qui:
http://forum.giallozafferano.it/buon-compleanno-signora-italia/
Naturalmente se pensi di avere già postato sul tuo blog delle ricette che ritieni adatte alla raccolta, puoi tranquillamente partecipare con queste.
Se vuoi chiarimenti, scrivimi pure a martina.spinaci@giallozafferano.it sarò lietissima di consigliarti o guidarti passo, passo.
Un caro saluto
Martina

Barbara ha detto...

P.S. mi aspetto qualche post sulla città eterna nel nuovo blog dei foodblogger giramondo ;) L'ultima volta (periodo natalizio) sono andata a tentativi non avendo avuto tempo di organizzarmi, e sono sicura di essermi persa molto!

dolci a ...gogo!!! ha detto...

come sempre tesoro un reportage stupendo dettagliato preciso pieno di consigli...che voglia di partire subito!!!!bacioni amica mia bellisssssssima..Imma

soleluna ha detto...

Giulia un repotarge divino...ogni volta che vedo un tuo reportage mi assale una voglia di partire sei fantastica felice weekend Luisa

Claudia ha detto...

Con questo reportage mi hai convinto: devo andare a Praga assolutamente!!!! :-) E adesso come faccio? Devo aspettare fino all'estate per poter prendere le ferie...mannaggia! :-(

virgikelian ha detto...

Giulia carissima, Complimenti !!!
Ogni volta con i tuoi reportages mi fai venire voglia di preparare le valigie.
Un bacio.

gloria cuce' ha detto...

Solo due parole:
CHE FAME!!!!!!!!!

Ago ha detto...

Mi hai fatto venire voglia di partire subito...non so se per visitare quei posti o se per assaggiare quei piatti *_* Bellissimo racconto! :-D

ஃPROVARE PER GUSTAREஃ di ஜиαтαℓια e ριиαஓ ha detto...

le foto si mlasciano commentare da sole.....grazie a te per tutto ciò..
baci da lia

Erica ha detto...

Praga, per me è la meta dell'ultima gita delle superiori.
E ricordo benissimo L'assenzio, come dimenticarselo?!
credo che non lo dimenticherò più nel resto della vita. eheh.
Le foto sono una meraviglia ed il post è scorso da solo facendosi leggere con interesse.
Grazie per questo post, è stato bellissimo.

alessandra (raravis) ha detto...

Kurtoskalas, si chiamano, quei rotoli di pasta dolce. E' lo street food dolce per eccellenza e te lo servono cosparso di zucchero o di spezie. La creatura ha marciato a quelli.
Grandissimo reportage con il solito effetto collaterale- faccio le valigie e ci torno subito. Fra l'altro, io c'ero stata con mia figlia e mia mamma, qualche anno fa, e quindi ci siamo godute poco la parte gastronomica. Però, qualche indirizzo goloso ce l'ho anch'io, anche perchè si mangia davvero molto bene. Convengo con te sulla delusione della birra, ampiamente compensata dalla sorpresa dei vini
ciao
ale

ViaggiandoMangiando ha detto...

una piccola guida da conservare gelosamente per la prossima gita a praga, grazie per gli ottimi consigli e le belle foto esplicative... sopratutto per quella del maialino arrosto per cui sto ancora sbavando! :P
bacione! ale

Giulia ha detto...

Alessandro, ti DEVI tornare a Praga, è davverp spettacolare!
La Becherovka ce l'ho in casa! ahahah!

Passiflora, grazie per il suggerimento!

Elisa, ora che sai della cannabis.. vacci! :-))

Flavia, secondo me Praga va vista in tutte le stagioni!

Barbara, grazie! Magari avrai voglia anche tu di scriverci qualcosa! Vediamo se qualcuno scriverà qualcosa di Roma...

Simo, e dove è il problema?... Un we e via!

Martina vedrò se riesco a partecipare

Imma, bellissima! Perché non ci andate 2-3 giorni?..

Luisa, ti ringrazio di cuore!

Claudia, certo che devi! :-))

Virginia, faresti bene a cedere a quei impulsi!

Gloria, hai fatto uno spuntino??

Ago, se parti, farai di tutto: visite e mangiate!

Lia, grazie a te!

Erica, ma che hai fatto con l'assenzio?.. Ti sei ubriacata? :-))

Ale, quello che dici tu, sono dolci ungheresi, molto simili. Questi cechi invece si chiamano trdlo, una parola inpronunciabile...
Andiamoci insieme, vedrai che mangiate!!!

Giulia ha detto...

Ale, spero davvero tanto che questa piccola guida possa esserti utile!

Gio ha detto...

bellissima Praga! mi hai fatto venire volgia di riandarci! ...e con la tua guida di bontà :)
buon we!

Lauradv ha detto...

Giulia, un'atmosfera unica Praga anche dal punto di vista gastronomico. Emana sempre calore e quel pizzico di mistero che non guasta mai! Bacio

Related Posts with Thumbnails