sabato 6 gennaio 2018

Remise en forme. Giorno 3. Soddisfazioni.



Non ho resistito! Anche se avevo stabilito di pesarmi alla fine della settimana, oggi l'ho fatto (quasi per sbaglio, dovevo cambiare la batteria nella bilancia), e in 2 giorni ho perso 1,8 kg! Lo so, è acqua, non è grasso, ma mi sento leggera e sgonfia, e adesso è questo che conta! Anche il maritozzo ha perso 2,5 kg, si è sgonfiato e ha smesso di russare. Son soddisfazioni!

Potrebbe sembrare che non so bene che cosa sto parlando e sto scrivendo cose scopiazzate qua e là dalle riviste femminili. In realtà studio da una vita gli argomenti benessere e dieta, da quando a 24 anni, grazie alla vita sedentaria e alle abitudini alimentari sbagliate (mangiavo una vaschetta di gelato a pranzo, vi sembra normale?), avevo preso un po' di peso. Non come adesso, di meno, ma all'epoca ero più magra e non mi è mai piaciuto cambiare il guardaroba solo perché non mi entravano i vestiti. I motivi dovevano essere altri!

Insomma, mi ero iscritta in palestra, mi ero messa a dieta ipocalorica (per fortuna il mio amore per la cucina era più moderato) e nel giro di pochi mesi, quattro per la precisione, ho perso quasi 10 kg, arrivando a pesare 53 kg. Poi, col tempo, il mio peso si è stabilito sui 57 kg, ed ero contenta. Ma non ho più abbandonato l'argomento "alimentazione" e continuo a studiarlo.

Non mi piacciono le diete, specie quelle che vanno di moda, anche se qualcuna l'avevo provata in passato, ho preferito andare più a fondo e capire meglio come funziona l'organismo, ma soprattutto, come funziona il mio -  non siamo mica tutti uguali.

Naturalmente, non sono un dietologo, e quello che scrivo e annoto qui, è frutto della mia ricerca nelle varie fonti, applicato su di me. Ci sono tante altre cose sull'argomento da raccontare, e lo farò un po' per volta.


Comunque sono sopravvissuta anche alla seconda lezione di pilates. E' dura, è dura, oggi la lezione con l'elastico, ci sono esercizi che ancora non conosco, e il mio corpo negli anni senza fitness, ma con tanto cibo e vino,  è diventato rigido e poco flessibile. Sembro un tricheco. Poco male, maggiore sarà la soddisfazione quando riacquisterò le mie capacità perdute.


Questa settimana, la prima, ho deciso di ridurre al minimo anche i carboidrati, dando preferenza al pesce e alle verdure, ma un po' di legumi non guastano, giusto? Pochi carboidrati, molte proteine, tante fibre e senso di sazietà con gusto. Dal mio recente viaggio in Sicilia ho portato un sacchetto di fave secche, e oggi a pranzo ho rifatto il mio amato macco di fave con aneto e peperoncino. Verdure al vapore e mele manco le nomino più.


Petto di pollo marinato nello yogurt e cannella, cotto al forno, crauti in salamoia con la cipolla di Tropea e cavoletti di Bruxelles con aglio e peperoncino. Tante spezie, tanti aromi, pochi grassi.
E una mela. La seconda.

Nessun commento: