mercoledì 24 giugno 2015

Andrea Fusco di Giuda Ballerino! alle prese con il gelato Buontalenti



Come si suol dire, "nella splendida cornice di..."

Mercoledì scorso, il 17 giugno, lo chef stellato Andrea Fuscodi Giuda Ballerino!, all’ottavo piano dell’Hotel Bernini Palace, in un contesto ispirato al mondo dei fumetti, ha proposto il menù particolare, ideato per un'occasione speciale: la prima tappa del tour del mitico gelato toscano Buontalenti, prodotto da Badiani.



Badiani,storica gelateria e pasticceria di Firenze dal 1933, famosa in tutta Italia e non solo, ha deciso di far conoscere la sua Arte Gelatiera ed essere sponsor del più bell'evento che si tiene nel mondo del gelato:
Il GELATO FESTIVAL.
Dal 30 Aprile il gelato è in tour, fino al 4 Ottobre, e toccherà, da Nord a Sud, le più importanti città Italiane (tra le altre Torino, Milano, Parma, Firenze, Roma, Napoli, Catania Palermo, Bari). E tra l'altro sono in via di programmazione numerose date europee. Il Tour offre al grande pubblico l'opportunità di far conoscere una bella storia dell’artigianato fiorentino e di poter degustare la ricetta segreta del Gusto gelato Buontalenti.


                                                               Nel menù:


-         Crema di piselli con tempura di gamberi bianchi, quenelle di crudo gambero viola il suo fondo
-         Spaghetti cacio e pepe con polvere di cozze e menta fritta
-         Agnello e peperone
-         Scaloppa di fois gras con il Buontalenti

 
    
Crema di piselli con tempura di gamberi bianchi, quenelle di crudo gambero viola il suo fondo.
Per me, amante di pesce e verdura, sicuramente è stato il piatto preferito: leggero, saporito e fresco.


Spaghetti cacio e pepe con polvere di cozze e menta fritta
Interessante, cacio e pepe e cozze, seppur in polvere.


Agnello e peperone.
Niente a che vedere con un classico romano: agnello al sangue, costolettina croccante e un peperone al dente.

  Scaloppa di fois gras con il Buontalenti.

So che il fois gras non piace a tutti per un milione di motivi, ma iomlo adoro! Confesso, ero un pò perplessa sull'abbinamento, ma come si fa a dubitare di una stella Michelin? La dolcezza e la consistenza del fois gras si è perfettamente accoppiata con il gelato, morbido, setoso, non troppo doloce e decisamente versatile. Forse aggiungerei giusto un pizzico di fleur de sel, voglio sempre un tocco di salato in mezzo al dolce.




Un pò di storia di questo meraviglioso gelato:

Nel 1979, i commercianti fiorentini, indissero un concorso che aveva lo scopo di ricordare l'operato del noto architetto fiorentino Bernardo Buontalenti; BADIANI si presentò al concorso, proponendo un gusto speciale e vinse un premio con un gelato chiamato appunto "Buontalenti".
Da allora la specialità a base di panna e crema conquistò il cuore dei fiorentini e di tutti gli amanti del buon gelato.
Questo gusto si presenta di colore chiaro, senza aggiunta di coloranti e i suoi ingredienti fondamentali comprendono panna e crema. Il nome è dedicato a Bernardo Buontalenti, un eclettico fiorentino vissuto alla fine del '500.
Visse nel periodo di maggior potere della famiglia de’ Medici a Firenze, fu architetto, ingegnere, idraulico e urbanista.
A quel tempo personaggi come il Buontalenti venivano incaricati anche dell’organizzazione delle feste ed in occasione della festa per gli ambasciatori del Regno di Spagna, oltre alla parte decorativa e di imbellimento della città si occupò anche dei banchetti, compresa l’ultima novità del tempi, i dolci freddi.
Bernardo Buontalenti propose la propria idea sulla composizione del sorbetto, operando la prima grande trasformazione della storia del gelato. Una nuova ricetta a base di latte, miele, tuorlo d'uovo e un tocco di vino, fece nascere così la crema all'uovo e lo zabaione.
L'intervento di Buontalenti rivoluzionò la storia del gelato: da quel momento tutto si poteva gelare, anche le materie grasse come il latte e le uova. E proprio grazie al latte e alle uova il sapore del dolce freddo diventava improvvisamente rotondo, vellutato: una carezza per il palato più esigente.



     E per concludere in dolcezza ci vuole un pò di mini pasticceria e, ovviamente, un buon gelato!

.

venerdì 19 giugno 2015

Minestra di fregola sarda con Parmigiano Reggiano, bottarga e limone per #PRCHEF2015





...Oramai la mia vita è diventata tutta un "corri-corri", soprattutto da quando abbiamo messo in  piedi Bee-Connection.  Non mi sto lamentando, per carità, adoro quello che faccio, adoro stare sempre in giro, organizzare, comunicare, trattare, inventare, creare. Purtroppo ci rimette un'altro lato della mia vita, quello più personale. Casa perennemente in disordine, frigo con delle robe strane dentro (bollicine però non mancano mai!), gatti che mi disconoscono... Poco tempo da dedicare all'amore e agli amici, quasi niente al mio blog. E non è giusto, molte cose sono nate proprio grazie a Rossa di Sera, io per prima come un personaggio (continuo ad essere riconosciuta come La Rossa, non come Giulia Nekorkina). L'ultimo aggiornamento risale a più di 15 giorni fa!

Meno male che qualcuno si ricorda ancora che sono (anche) una foodblogger, come, per esempio, Parmigiano Reggiano, che mi ha invitata a partecipare ad un contest molto interessante: #PRCHEF2015. Interessante per un motivo ben preciso: il compito è di creare un piatto con soli 4 ingredienti tra cui Parmigiano Reggiano. E' una bella sfida, giusto?  Di solito è più facile aggiungere che togliere, quindi questo "minimal chic"  alimentare fa proprio per me.

Oramai non mi metto a pensare troppo a lungo, aspetto l'ispirazione che non tarda ad arrivare, allertata dal cervello in fermento. Et voilà, le jeux sont fait!

Prima ho pensato di scegliere il Parmigiano dalla stagionatura più lunga, però facendo le prove,  risultava troppo sapido, e, considerando la presenza di bottarga, sarebbe stato eccessivo.


Minestra di  fregola sarda con Parmigiano, bottarga e limone         

4 ingredienti principali

150 g di fregola sarda
1 manciata abbondante di Parmigiano Reggiano 14 mesi
1limone
bottagra fresca

ingredienti qb

sale
pepe
acqua
basilico


-portare a ebollizione 600 ml di acqua, aggiungere poco sale,versare la fregola e cuocere per 8-10 minuti


- preparare il condimento: grattugiare il Parmigiano,la scroza di 1/2 limone e poca bottarga, aggiungere pepe e 1 foglia di basilico tritata

-quando la fregola è pronta (non deve restare troppo asciutta), condirla direttamente in pentola con la miscela e girare

- versare la minestra nei piatti e completare con le scaglie di bottarga e una foglia di basilico




mercoledì 3 giugno 2015

Gelato al caffé con cioccolato e croccante salato di mandorle



Continuiamo la serie di ricette con il caffé Dorhouse! E' una collaborazione che mi piace sempre di più, in quanto sarei una grande estimatrice del caffé (ma lo sapete già tutti, facciamo sempre colazione insieme, giusto?) Visto che finalmente è arrivata la bella stagione, ho deciso di preparare il gelato al caffé, fresco e goloso,  impreziosito dalle gocce di cioccolato fondente e dal croccante salato di mandorle. Per questa ricetta ho deciso di usare una delle miscele che mi piacciono di più: "10, selezione di Arabica e Robusta dall'aroma elegante e armonioso". Inoltre, è semplice da preparare, non serve la gelatiera nè nessun altro prodotto specifico, bastano le piccole accortezze in una mezzagiornata.









Gelato al caffé con cioccolato e croccante salato di mandorle

250 ml di panna
250 ml di caffé 10
150 g di zucchero
30 g di glucosio

60 g di gocce di cioccolato fondente

200 g di zucchero
100 g di mandorle
1 presa di sale grosso
2 cucchiai di caffé 10 lungo


 - versare la panna e lo zucchero in un pentolino e scaldare fino a che lo zucchero si sarà sciolto

- aggiungere il caffé e il glucosio, mescolare bene e raffreddare completamente

- versare in un contenitore di plastica e porre nel freezer; mescolare con la frusta e infine montare ogni ora con la frusta elettrica ( o la planetaria)

- quando il gelato è quasi pronto, aggiungere il cioccolato e mescolare

- preparare il croccante: mettere lo zucchero e il sale in un pentolino, versare il caffé e mettere sul fuoco; far sciogliere lo zucchero finché sarà diventato caramello chiaro

- nel frattempo tostare leggermente le mandorle in padella

- aggiungere le mandorle nel caramello, mescolare e versare il composto su un foglio di carta da forno; lasciar raffreddare, poi tritare crossolanamente con il coltello

- servire il gelato con il croccante sopra


lunedì 1 giugno 2015

Politica dei cookie

Cosa sono i cookies?

I cookies sono piccoli file che si scaricano nel computer degli utenti, all'entrare in determinate pagine web. I cookies permettono, tra l'altro, di immagazzinare e recuperare informazione sulle abitudini di navigazione degli utenti e, in base all'informazione che contengono, posso essere usati per riconoscere l'utente. 

I cookies nel Blog Rossa di Sera

Rossa di Sera non ha cookies propri, ma utilizza cookies di terze parti, come ad esempio Google Analytics, o social network come Facebook, Twitter, G+, Pinterest, che trovate sotto ogni post, per eventualmente condividerlo.

I cookies di Google Analytics sono analitici, permettono, cioè di analizzare il comportamento degli utenti che entrano in questo blog, per elaborare le statistiche riguardanti il numero delle pagine consultate, la provenienza geografica, il tempo che l'utente trascorre nel blog, ecc.
  Rossa di Sera non ha alcun controllo sui cookies utilizzati da Google Analytics, per cui per approfondire il tema si consiglia di consultare le politiche sui cookies e sulla privacy di Google; in inglese, c'è una pagina specifica, in cui Google spiega l'uso dei cookies per Analytics. Per disabilitare i cookie analitici e impedire a Google Analytics di raccogliere dati sulla tua navigazione: https://tools.google.com/dlpage/gaoptout.

Le pagine sulla politica dei cookies e sulla privacy di Google valgono anche per Google+ e per Youtube.
 
  Rossa di Sera utilizza il servizio di Web Analytics ShinyStat, che nella configurazione attuale i cookie che garantiscono il servizio sono in regime di OPT-OUT e NON NECESSITANO DI CONSENSO PREVENTIVO ALL'INSTALLAZIONE (c.d. "Informativa breve"). Questo perchè la tecnologia utilizzata da Shiny prevede sistemi di aggregazione ed anonimizzazione dei dati che rendono già conforme alla normativa. Per informazioni sulla Privacy e sui Cookie di ShinyStat si rimanda alla "Informativa generale", contenete "Informativa ai sensi dell'art. 13 del Decreto Legislativo 30 giugno 2003 n° 196" ed alla pagina http://www.shinystat.com/it/opt-out_free.html in cui il visitatore potrà negare il proprio consenso all'installazione dei cookie di ShinyStat.
 
  Rossa di Sera  utilizza il servizio Flag Conter ma non ha alcun controllo sui cookies utilizzati da tale servizio; per approfondire il tema dei cookie di Flag Conter si consiglia di leggere le pagine "Privacy Policy" e "Terms of service", entrambe in inglese.Il Blog del prof. Attilio Folliero non ha alcun controllo sui cookies utilizzati da net-parade.it, per cui per approfondire il tema si consiglia di leggere la sua pagina "Informativa sui cookie"

  Rossa di Sera non ha alcun controllo sui cookie utilizzati da Vimeo, riguardo ai quali si possono ottenere ulteriori informazioni sul sito Vimeo, ove viene precisato che ci sono cookies essenziali (per il log-in, il servizio vendita, la visione di certi video privati), cookies analitici, cookies per registrare le preferenze degli utenti e cookies per personalizzare gli annunci pubblicitari.

Lo stesso dicasi per tutti i siti linkati (intercambio link) e siti consigliati, che potrebbero utilizzare cookie sui quali il presente blog non ha alcun controllo.


I tasti di Twitter, Facebook, GMail, Pinterest, Blogger, che trovate sotto ogni post, vi permettono di accedere all'account del social network in cui volete condividere il contenuto del post; sotto ogni post avete anche la possibilità di cliccare su Mi piace di Facebook. In tutti questi casi, ogni volta che accedete al vostro account, le reti sociali in cui state entrando, lasciano un cookie nel vostro computer.

Essendo dei rispettivi proprietari, Rossa di Sera non ha alcun controllo sui cookies di Twitter (le politiche per la privacy di Twitter sono su twitter.com; quelle riguardanti l'uso dei cookies su support.twitter.com), di Facebook (le sue informazioni sull'uso dei cookies sono su facebook.com) e di Pinterest (la sua politica per la privacy è in inglese e potete leggerla su about.pinterest.com), per cui si consiglia di leggere le pagine indicate per conoscere meglio le varie politiche sulla privacy e sull'uso dei cookies.

Anche Blogger, la piattaforma gratuita che ospita Rossa di Sera e su cui Rossa di Sera non ha ovviamente alcun controllo, utilizza cookies. Per conoscere la politica di cookies che pratica, rimanda a questo link di Google. E' molto probabile che dopo aver dato l'ok al banner Rossa di Sera vi appaia anche il banner di Blogger.

Chi non vuole che i cookies siano installati nel proprio computer può disabilitarli dalle pagine del proprio browser, seguendo le istruzioni che vengono date ai seguenti link:
Disabilitazione dei cookie su Firefox 
Disabilitazione dei cookie su Chrome
Disabilitazione dei cookie su Internet Explorer
Disabilitazione dei cookie su Safari 
Disabilitazione dei cookie su Opera

Grazie al sito di Ernesto Tirinnanzi, www.ideepercomputeredinternet.com per le informazioni e per i codici messi a disposizione gratuitamente ed a Rotta su Torino che mi ha fatto scoprire il sito indicato.
 
Grazie infinite anche a Attilio Folliero per le spiegazioni dettagliate.