venerdì 5 settembre 2014

Paccheri, cozze, erbette e pecorino



...per ricordare l'estate.
Peccato, quest'anno l'estate è stata poco presente: poco caldo, tanta pioggia, sole così-così. Ho visto stagioni migliori, ma pazienza, proprio qui non possiamo intervenire, ma solo accettare. Così come bisogna accettare alcune esperienze che la vita ci riserva. Come si dice, "se non puoi cambiare le cose, cambia l'atteggiamento".
Però basta filosofia, basta riflessioni, siamo al venerdì, la prima settimana di settembre sta per finire, e abbiamo un (bel) weekend davanti. Insomma, per restare nel tema estivo, oggi vi propongo un piatto di mare, estremamente semplice e saporito, come vuole la tradizione romana, cozze e pecorino. Ma l'ho arricchito con un misto di erbette aromatiche ed è stato molto piacevole.

Ovviamente, l'abbinamento è con le bollicine, ma stavolta niente rosé, ho scelto un satèn di Castello di Gussago, La Santissima Franciacorta Brut Satèn DOCG che ho scoperto nel mio recente viaggio in Franciacorta. Molto floreale, leggermente agrumato e sapido quanto basta per sostenere il sapore di mare delle cozze, il piccante del pecorino e i profumi delle erbette aromatiche.





Paccheri, cozze, erbette e pecorino

400 g di paccheri
1 kg di cozze
1 manciata di pecorino romano grattugiato
1 mazzetto di erbette aromatiche tra cui prezzemolo, dragoncello, timo, finocchietto
4 cucchiai di olio evo
1 spicchio di aglio
sale
pepe

- spazzolare e lavare le cozze, metterle in una pentola, coprire e far aprire dolcemente a fuoco medio. Eliminare i gusci delle cozze, mettendo da parte i molluschi, filtrare il liquido

- scaldare l'olio in una padella, aggiungere uno spicchio di aglio schiacciato in camicia e la metà di erbette per insaporire l'olio a fuoco basso per qualche minuto

- aggiungere le cozze e far insaporire nell'olio, eliminare l'aglio e le erbette, versare il liquido di cottura delle cozze

- nel frattempo lessare i paccheri molto al dente (attenzione con il sale nell'acqua, potrebbe bastare il sale del liquido di cottura delle cozze)

- terminare la cottura della pasta nella padella con le cozze, facendone assorbire una parte, aggiungere le erbette rimanenti tritate,metà del pecorino e pepe macinato fresco

- mescolare velocemente e servire, completando il piatto con il resto del pecorino e una spolverata di pepe


3 commenti:

Manuela e Silvia ha detto...

Ciao Giulia, ma che bellezza questo primo piatto! semplice e marinaresco, con il profumo delle erbette fresche ed il gusto pieno del pecorino! ottimo anche l'abbinamento con questo fresco vinello :)

Rubina Rovini ha detto...

Ho mangiato una volta, parecchi anni fa, questo piatto. Molto saporito ma estremamente buono. Sapore deciso, gusto pieno, da bere con un vino piuttosto corposo. Ottima proposta!

Annalisa -Piccanti Sapori Speziati- ha detto...

Wow...super invitante! !!!!