giovedì 24 aprile 2014

Filetti di gallinella all'agro




La ricetta del pesce all'agro ho scoperto a Ponza molti anni fa. Allora il pesce in questione era la murena, buonissima, ma a dirla tutta, preferisco la murena fritta. Stavolta ho voluto provare a fare allo stesso modo la gallinella che ho comprato già sfilettata (non vorreste mica che io, appena rimessa in piedi dall'influenza lampo, mi mettessi a sfilettare il pesce?) Il mio consiglio e di non esagerare con il limone, che il sentore ci deve essere, ma non troppo, perché la scorza in cottura rilascia il sapore amarognolo. Mentre sto scrivento, adesso, mi è venuto in mente che il cedro, più dolce, per niente amaro e profumatissimo, potrebbe andare alla grande. Non appena me lo sarò procurato, riproverò, e poi vi aggiornerò. Promesso.






Filetti di gallinella all'agro

8 filetti non troppo grandi di gallinella
2 grappolini di ciliegino di Pachino IGP
1 limone
1 spicchio di aglio
1 cucchiaio di capperi sottosale
2 cucchiai di olio evo
prezzemolo
peperoncino

Sbucciare l'aglio, tagliarlo a fettine e rosolarlo delicatamente nell'olio.
.
Tagliare nel frattempo i pomodorini in quarti e aggiungere all'aglio insieme ad un pizzico di peperoncino.

Lavare i capperi, tagliare 2 fettine sottili di limone e aggiungere il tutto al sughetto, lasciar andare altri 2 minuti e adagiare sopra i filetti di gallinella, coprire e cuocere a fuoco basso per 3-4 minuti.

Impiattare i filetti insieme a tutto l'intingolo, spolverare con il prezzemolo tritato e servire.



Nessun commento: