martedì 12 novembre 2013

Triglie gratinate alle mandorle e pepe verde



Vivendo sul mare, cedo spesso alla tentazione di andare ogni tanto (ogni tanto?!) sul molo, dai pescatori, a vedere cosa hanno pescato, cosa stanno vendendo, a farmi venire un'idea per cena, in famiglia o con gli amici. Così mi metto a sbirciare nelle cassettine con il pesce e a curiosare cosa compra la gente. Forse non tutti lo sanno, ma comprare il pesce direttamente dai pescatori conviente: è freschissimo, da loro spesso si trovano le specie difficilmente vendibili nei negozi (pesce povero o poco conosciuto) e poi costa poco. In questo periodo vedo molte piccole triglie, perfette per la frittura, ed io la adoro! Così, qualche giorno fa, ho portato a casa un "bottino di turno": quasi 2,5 kg tra trigliette, pesciolini che sembrano piccole sogliole e un'altra specie che non so come si chiami ( vergogna, lo chiederò la prossima volta!). Ho messo da parte le triglie più grandi senza sapere bene cosa farne ( ma le idee sono nell'aria!), e ho fritto tutto il resto. Nonostante il nostro grande impegno, essendo in tre, mi è avanzato un (bel) pò di pesce fritto, che il giorno dopo ho utilizzato per un'altra ricetta ancora. Lo dicevo io, le idee sono nell'aria!






Triglie gratinate alle mandorle e pepe verde

300 g di triglie
1 cucchiaio di grani di pepe verde in salamoia
4 cucchiai di olio evo
1 limone
3 cucchiai di farina di mandorle
sale

- pilure le triglie, eliminando loro la testa, l'intestino e la lisca, lavare ed asciugare

- mettere in una pirofila, aggiungere il pepe verde, un pizzico di sale, l'olio e il succo di 1/2 limone, coprire e lasciare marinare per 1 ora

- grattugiare un pò di scorza di limone e mescolare con la farina di mandorle

- asciugare le triglie marinate, sistemare in una teglia, coprire con la farina di mandorle al limone e spruzzare con poco olio

- mettere nel forno caldo sotto il grill per 5 minuti


3 commenti:

Il Mondo di Milla ha detto...

Devono essere squisite!

ELel ha detto...

Non sono amante del pesce, ma questa ricetta mi ha fatto comunque venire l'acquolina in bocca!

Giulia ha detto...

Si, Milla, sono molto interessanti in bocca, tra amarognolo, salato e una punta di dolce!

Elel, prima o poi provala! :-)