martedì 19 novembre 2013

Lindt, cioccolato svizzero nel cuore di Roma



                                                Direi, questo è il pezzo più adatto al tema...




Ma, direte voi, una che non ama e non mangia i dolci, come fa a scrivere di cioccolato, di un dolce per eccellenza? E' semplice. Lindt ha ben due prodotti che io, pur non essendo amante di tutto ciò che contiene zucchero, mangio volentieri. Ogni tanto, ovviamente. Si tratta di cioccolato fondente con fleur de sel e di praline a forma di tappo di champagne ripiene con la crema al Marc de Champagne. E come avrei potuto rinunciare all’inaugurazione di un negozio Lindt al centro di Roma, con tanto di work shop con i Maîtres Chocolatiers che ci avrebbero portato alla scoperta dell’arte del cioccolato?







… Pioveva quel giorno, e quando piove a Roma, il traffico impazzisce, e di trovare il parcheggio non se ne parla nemmeno. Dopo aver girato invano per un’ora, volevo deporre le armi e tornare a casa, ma sono troppo testarda per arrendermi, così ho continuato e ho trovato finalmente il parcheggio. Un quarto d’ora di camminata, ed eccomi, con uno spaventoso ritardo, al negozio in via della Maddalena 12. Luci, aria accogliente, profumo di cioccolato, e il malumore mi passa in un attimo. La presentazione era già iniziata, mi scuso per il ritardo, ma non è grave, ho perso solo 5 minuti, e poi siamo pochi, solo una decina di giornalisti, per cui penso che dopo, al limite, faccio qualche domanda su quello che non ho sentito. Intanto Fabrizio Parini, (CEO Lindt Italia) racconta la sua ventennale esperienza nel mondo Lindt, leader mondiale nella produzione di cioccolato, nato da una piccola pasticceria nella vecchia Zurigo nel lontano 1845.





Dopo la presentazione siamo invitati a metterci i grembiuli, i cappelli ( come da Maître!) e ad accomodarci ai tavoli allestiti con tutto ciò che serve per creare i cioccolatini, sotto la guida del Maître Paolo. Ma prima sentiamo qualche altra informazione sul cioccolato, le sue origini e le sue proprietà, raccontate dalla signora Patrizia, anche lei nel mondo del cioccolato da oltre 20 anni. E lei dice una frase meravigliosa che non posso non twittare subito: “Il cioccolato Lindt è semplicemente un cioccolato, così come il diamante è semplicemente una pietra”. Guarda caso indosso un diamante, faccio la foto e la posto. Nulla da aggiungere.




… Béh, mettere le mani nella cioccolata è comunque meraviglioso, altro che marmellata! Come cake, pardon, chocolate designer sono una frana, ma mi sono divertita lo stesso, quando mai mi capiterà ancora? Alla fine abbiamo “vinto” tutti: una grossa scatola piena di cioccolatini e di praline a scelta (da riempire noi!), nuovi gusti compresi, i cioccolatini creati personalmente dal Maître, una foto con lui e tanto buon umore.

Ora lo sapete anche voi che a Roma c'è un piccolo accogliente rifugio pieno di... come dice lo spot?.."Un guscio di finissimo cioccolato con un cuore di irresistibile scioglievolezza".
E chissenefrega della pioggia!..







                                                                     Lindt Shop




                                                           Lindt Shop (foto presa dalla cartella stampa di Lindt)


4 commenti:

Cinzia Ceccolin ha detto...

Bellissimo!!! Un inaugurazione fantastica!! Adoro i cioccolatini lindt, solo quelli :-) io vado con quelli rossi e quelli al cioccolato al latte, ripieni lunghi, carta azzurro-blu :-) li adoro!! Bellissimo il tuo post!! Un saluto e buona giornata :-)

Sonia Moi ha detto...

Che fantastica esperienza Giulia, nel regno del cioccolato cosa volare di più?

Patalice ha detto...

a me è bastata la promessa del titolo per avere un attacco di acquolina in bocca...
lindt...
un nome una garanzia...

caris ha detto...

Ecco...a questo avrei partecipato volentierissimo anche io 8che tra l'altro amo il cioccolato da impazzire).
molto bello!!!