mercoledì 17 luglio 2013

Carbonara con i gamberi e altre avventure estive



   Non so se l'avete capito, avete rischiato di perdere la Rossa! Sto dicendo sul serio, mica scherzo. Domenica scorsa ero a casa degli amici: caldo, sole, piscina, giochi... Stavamo a giocare, appunto, a fare gli scemi, a buttarci nell'acqua a vicenda, ed era quasi inevitabile che la perfezione del momento venisse sconvolta.  Infatti, movimento brusco, un pò maldestro, e nell'acqua ci sono finita io, però non prima di aver preso di petto (e di mascella) il bordo.

...Che botta, ragazzi! Non ho fatto in tempo a spaventarmi ed a provare ad affogare che sono stata ripescata all'istante, e nel frattempo pensavo: "Ma che bello, per tanta premura vale la pena di fare qualche incidente!.." Pensiero stupido di chi ha appena sbattuto la testa. Dopo un minuto, dopo che ho ripreso a respirare, ho avvertito i dolori, ma mi preoccupavo solo di estetica: "...e mo' come faccio se mi vengono i lividi?!.."  I miei cari amici ( e li adoro!!!) hanno avanzato una proposta nel caso dovessero esserci i segni evidenti: "Béh, potrai sempre dire che è stato il tuo ex marito!" Che cattivoni! :-)

Insomma,




... sembra che comunque non ci siano troppe conseguenze, a parte che quel giorno non sono riuscita nè mangiare nè bere (e quando la Rossa non mangia e non beve c'è da preoccuparsi!). In più avevo tanto sonno e son crollata "con le galline". Il giorno dopo ... ma che dolore guidare in queste condizioni! Non vedevo l'ora di arrivare e di mettermi a letto. C'è chi mi consigliava di andare al pronto soccorso o almeno dal mio medico, e non ne avevo voglia, conosciamo tutti quel che si chiama "sanità". In più mi sentivo intorpidita mentalmente e non riuscivo a scrivere nemmeno una frase a senso compiuto. Per fortuna c'era mia figlia che mi ha fatto d'autista, che dolce!

Ieri?.. Ieri andava già meglio, un piccolo livido sul mento mi fa da promemoria che dovrei fare più attenzione (ma chissenefrega, non sono mica vecchia!), il dolore dal petto si è spostato alla scapola (chissà come mai?..), la mente è ritornata lucida ( infatti sono finalmente riuscita a scrivere un articolo che rimandavo da una decina di giorni, impossibilitata dai viaggi e dalla stanchezza).
Nel pomeriggio siamo usciti a fare dei giri con mia figlia e i suoi amici e siamo finiti al porto dai pescatori ("Volete vedere che pesce hanno portato?..") Tra vedere e comprare ci sono 2 secondi netti ( e i ragazzi che dovevano uscire a cena, stranamente hanno voluto restare a casa, corruttibili!), così una cassetta di polpi e una di gamberetti sono finite in macchina con noi e ci hanno fatto compagnia a cena.

La ricetta di oggi (una bestemmia per i puristi!) è stata realizzata però un paio di mesi fa e messa nel dimenticatoio, figuriamoci, con quel casino che ho vissuto fino a poco fa!.. Ma ve la consiglio lo stesso, vale la pena di provarla.


Carbonara con i gamberi

200 g di spaghetti
100 g di gamberi sgusciati
50 g di pecorino grattugiato
1 uovo
1 tuorlo
1 fettina di guanciale
sale
pepe

- rosolare il guanciale in padella, facendo sciogliere il grasso, poi aggiungere i gamberi

- battere l'uovo con il tuorlo in una grossa ciotola, aggiungere pecorino e pepe macinato fresco e mescolare

- lessare la pasta al dente nell'abbondate acqua salata, scolare e trasferire in padella con i gamberi; farla saltare per un minuto scarso, poi versare il tutto nella ciotola e mescolare finche la crema dell'uovo non avvolge per benino la pasta

- servire immediatamente, condire con altro pepe a piacere

3 commenti:

ஃPROVARE PER GUSTAREஃ di ஜиαтαℓια e ριиαஓ ha detto...

ciao giulia..
passare da te e sempre emozionante ..
i tuoi post son sempre ben curati..
ottima questa carbonara
lia

Giulia ha detto...

Ciao, Lia! Felice di vederti qui e grazie per le tue parole!

Manuela e Silvia ha detto...

Ehi Giulia, ma cosa ci combini??! Tutto a posto ora? Di certo un bello spavento!
Ottima versione questa carbonara di mare: buonissima con i gamberi anzichè la pancetta!
un bacione