venerdì 30 marzo 2012

Calamari ripieni


calamari ripieni

Un'altra prova conclusasi bene. Ma che dico, bene, divinamente!..  Un Roero Arneis, fresco, fruttato, agrumato da abbinare.. a cosa? All'inizio avevo pensato ai tonnarelli con gamberi, asparagi e una spolverata di pecorino, ma i sapori risultavano troppo carichi, più adatti ad un vino con la mineralità marcata, tipo un Greco di Tufo. Poi ho provato con i calamari.
In principio non ero convinta nemmeno di questo abbinamento, ma la punta leggermente amarognola del vino, dovuta all’agrume, si equilibrava alla perfezione con il dolce del calamaro delicato e poco salato. E' stato sorprendente! E quando mi succede di fare una scoperta del genere, non solo riesco ad appagare i sensi, ma anche provare un attimo di felicità sfuggente.
La vita è fatta di attimi.


Continua...

mercoledì 28 marzo 2012

E tre!.. Crêpes caffé




E qui siamo al finale.  Mancano meno di 3 ore a mezzanotte, ma oramai  i tempi non mi preoccupano. Io non sono una maratoneta, ma piuttosto una velocista. Rendo il meglio sotto pressione e Flavia lo sapeva (furrrrrba lei!)
...Oggi, sempre mentre facevo pilates, tra una crêpe caramel e crêpe caffé, nella mia mente si insidiava un pensiero piuttosto strano e anche  un pò triste, che ho pure postato su twitter ( che ancora non ha conquistato le mie simpatie ma che trovo uno strumento niente male per quando ho voglia di dire "nel nulla" quello che provo, quello che succede nella mia vita, esprimere un attimo di felicità o un pensiero non rivolto a nessuno). Un pensiero su tante vite che avrei potuto vivere ma non ho vissuto, per tanti motivi, personali e obiettivi, perché non sono capitata in un certo posto in un certo momento (giusto o no, non saprei), perché ho fatto certe scelte e ho ignorato altre, ho incontrato ( o non) alcune persone, ho preso alcune decisioni e non sapevo ci fossero possibilità diverse ecc. Avrei potuto, avrei voluto vivere anche tante altre vite, e adesso sento che avrei potuto essere un'altra. Migliore o peggiore non so.
Un'altra.





Però visto che oramai sono così come mi conoscete, la vostra Rossa, mattarella, espansiva, pensierosa e fragile, con tutti i pregi e difetti che mi porto dietro, vi lascerò la terza ricetta delle crêpes, quasi allo scadere del tempo. Tanto per complicare ancora un pochino la vita delle mie adorate Ale, Dani e Giuseppina (che ancora non conosco ma prima o poi... ) e farne omaggio alle mie adorate siciliane Flavia, Stefania e Stefania.




coltelli zwilling


Continua...

E due!... Crêpes caramel



... prosegue la mia corsa contro il tempo!

Come ho accennato prima, mentre mi concentravo sulla respirazione e sugli addominali, continuavo anche a  riflettere sulle ricette di crêpes dolci. Una di esse ( questa, appunto) l'avevo già pensato a casa, mi piaceva fare un gioco di parole carino (ispirandomi anche a Flavia e le sue crêpes brulée), dovevo solo definire i piccoli dettagli. Il pilates fa bene non solo al corpo, ma anche alla mente, ed eccomi qua, con la seconda proposta per Ale, Dani e Giuseppina, artefice della sfida.





Continua...

E uno!.. Crêpes con tonnarelli, crema di ricotta e uova di salmone




Vi stupirò molto se vi dirò che per una volta la nuova sfida di MTC non mi ha messa in crisi? E vorrei vedere, qualche mese fa ho dedicato all'argomento un libro intero! Di che si tratta?
Ma di Crêpes!



Si, ma... distratta da tante altre faccende, ho sempre rimandato i cucinamenti per la sfida, pensando di avere tempo, finché... non sono arrivata a domenica scorsa (ricordo, era 25 marzo), con l'emicrania,  mille pensieri per la testa e l'assoluta impossibilità di cucinare.
Ed ora?.. ed ora siamo all'ultimo giorno, a poche ore dallo scadere del tempo, ed io mi sono trovata sfidata da Flavia, una delle mie adorate amiche siciliane (ma quanto ti voglio bene?!!  Ora ho un motivo più che valido per venire a trovarti! ahahah!) a postare non una, ma  3 ricette di crepes, una salata e due dolci!
Niente di più facile. A pranzo una era già pronta, poi, mentre facevo pilates, meditavo su altre due, e verso la fine della lezione sapevo già cosa fare!
Alessandra, Daniela, Giuseppina, mi dispiace per voi... ho contribuito ad aumentare anche di più il vostro lavoro!



Continua...

martedì 27 marzo 2012

Sapori del Canada alla Città del Gusto





Mentre tanti di voi che hanno partecipato alla serata della scoperta del sapori del Canada, avevano già pubblicato i post fotodocumentati con i racconti dell'evento, io niente. Però nel frattempo vi avevo già svelato  I segreti di Valeria Piccini e raccontato  la Festa dell'olio del Lazio. E adesso, quando "la festa è finita", scriverò le mie impressioni sulla serata canadese, organizzata dall'Ambasciata del Canada alla Città del Gusto di Roma. Strada facendo, mia figlia (stavolta ho portato anche lei, volevo farle vedere dove vado ogni tanto, presentarle i miei amici, far conoscere l'ambiente) mi ha chiesto che si mangiava. Non lo sapevo, così ho provato ad indovinare: salmone affumicato (acqua!) patate (fuochino), carne (fuoco), riso selvatico (fuoco), ma una volta arrivate alla destinazione, abbiamo scoperto che...

Non c'è bisogno di presentare il bravissimo giovane chef del Gambero Rosso Luca Ogliotti, invece dovete sapere Cesare Santaguida é l’executive chef comproprietario della Trattoria Vittoria, un ristorante molto famoso a Ottawa, proprio nel cuore della capitale canadese. Questo chef autodidatta propone da oltre 20 anni una fantasiosa cucina italiana pur rimanendo fedele alla tradizione.




Continua...

sabato 24 marzo 2012

Oli extravergine del Lazio: Festa di primavera alla Città del Gusto



Ieri nella Città del Gusto di Roma abbiamo festeggiato la primavera con l'olio extravergine laziale, prodotto di eccellenza del territorio rappresentato da ben 32 aziende in arrivo dalle province. La festa di primavera è stata organizzata dall’Arsial in collaborazione con il Gambero Rosso. Alla conferenza sono intervenuti Paolo Cucci, presidente del Gambero Rosso, Erder Mazzocchi, presidente dell'Arsial, Massimo Gargano, presidente dei Coldiretti Lazio e Loriana Abbruzzetti, presidenti di Uliveti del Lazio.
L'incontro è stato seguito dall'interessante show cooking con la partecipazione degli chef Adriano Baldassarre e Marco Martini che ci hanno fatto gustare dei piatti davvero sfiziosi, cucinati, ovviamente, a base di olio.
Nel pomeriggio invece  le porte della citta del gusto di sono aperte al  pubblico, proponendo  la degustazione degli oli e dei prodotti laziali, i quali si potevano acquistare direttamente dai produttori presenti in sala.

Vi lascio con qualche immagine dell'evento.


Continua...

venerdì 23 marzo 2012

I tre segreti di Valeria Piccini: stagionalità, semplicità e sapore



Valeria Piccini  (ristorante Da Caino di Montemerano (GR), 2 stelle Michelin e 3 forchette Gambero Rosso) è stata di scena ieri al Teatro del Gusto del Gambero Rosso. Cosa dire oltre che questa donna dal sorriso disarmante e dolce, riesce a conquistare non solo stelle e forchette, ma tutti quelli che hanno la fortuna di gustare la sua cucina? Il suo segreto sta nella scelta accurata delle materie prime, nella sorprendente semplicità di abbinamenti azzeccati e di cotture perfette e nel rispetto assoluto della stagionalità dei prodotti. 
Abbiamo avuto il privileggio di assaggiare due piatti in anteprima e - novità assoluta e molto gradita -  abbiamo trovato sui tavoli il libricino contenente le ricette dei piatti serviti che sono stati accompagnati dagli ottimi vini di Arnaldo Caprai.

Allora, siete pronti a fare un'esperienza da 3 forchette, 2 stelle e da uno dei più bei piaceri della vita?

Continua...

lunedì 19 marzo 2012

Insalata di primizie




Sorpresa! Ieri ho trovato le primissime fave! E stiamo parlando di 18 marzo, mica di aprile! Ma poco importa, oramai le stagioni si sono accavallate ed intrecciate all'inverosimile: poco più di un mese fa a Roma nevicava, faceva freddo, anzi, freddissimo, invece già da 15 giorni trovo gli asparagi al mercato (e non sono cileni ne spagnoli, ma di Terracina!) Che dire? Sono contenta, adoro le primizie e in questa stagione vivrei (quasi) solo di esse. Ok, ok, non è vero, per essere in pace con me stessa ci vuole ben altro che verdurine, ma non sono da trascurare lo stesso.


Continua...

domenica 18 marzo 2012

Le Strenne inc. presentano...

"Parlami, D'amore Annalu!"- antologia degli scatti più emozionanti, coinvolgenti e commoventi della Strenna più esilarante, creativa e meravigliosamente incorreggibile di tutte, che oggi compie 38 anni.
Vogliamo festeggiarlo con un piccolo pensiero, che è un regalo per tutti: perchè le sue fotografie sono un'iniezione di emozioni allo stato puro, una staffilata che va dritta al cuore, un groppo in gola che blocca il respiro- e meriterebbero per questo ben altri prosceni, più affollati ed autorevoli.



L'augurio è che siano tutte dietro l'angolo, le mille occasioni che si merita-e pure tutte in fila, in modo che possa coglierle ad una ad una, senza tralasciarne nessuna. Da parte nostra, vogliamo comunque tributargli il riconoscimento più ambito, più agognato, la statuetta che tutti bramerebbero avere e che da oggi risplenderà nel suo palmares, a perenne memoria di un compleanno che , ne siamo certe, sarà difficile da dimenticare..



Buon compleanno, Fabio!
Un doveroso riconoscimento alla professionalità di Camille, sensibile e cara compagna di avventura, che ha reso possibile tutto questo.

Credits
Video: L'artista dell'obbiettivo. Foto di Fabio D'Amore, diritti riservati. Musica: Irresitible, The Corrs. Regia e Montaggio: Camille Dufresne.
Continua...

venerdì 16 marzo 2012

Parigi in 3 giorni: da fare, da vedere, da mangiare



Ve l'avevo già anticipato di aver festeggiato a Parigi una data importante? Il mio compleanno da una cifra tonda-tonda? E che questo viaggio è stato il regalo della mia dolce metà? Si?.. Allora non mi resta che raccontarvi la mia piccola cronaca personale, portarvi in giro a Parigi insieme a me, ripercorrendo le tappe più belle, interessanti e gourmet -  un bel concentrato di 3 giorni in una delle città più affascinanti del mondo.
                                                                   Bon voyage!

Continua...

mercoledì 14 marzo 2012

Paris vaut bien une messe, ovvero Parigi vale gli ...anta!




Certo, Parigi vale non solo una messa, ma anche tante altre cose! Avrei voluto scrivere ben più di due righe, non appena tornata da un bel weekend dedicato ai festeggiamenti... di cosa? Ma dei miei primi quarant'anni! Purtroppo in questi giorni mi sento ( e sono) una trottola, vi dirò soltanto che ho visto le 700 foto scattate in appena 3 giorni solo stasera! Comunque ci tengo a parlare della mia esperienza parigina, capitata a sorpresa dopo tanti anni, pazienza però, ho bisogno di un giorno ancora!
A prestissimo, anzi, à bientôt!

.
Continua...

lunedì 5 marzo 2012

Dite "Cheese", anzi, FORMAGGI, I MIGLIORI D'ITALIA!



Mea culpa, mea culpa... Non ho fatto in tempo a dire "Cheese" e segnalarvi una nuova guida del Gambero Rosso, una guida utile e divertente che mette in evidenza e premia le eccellenze italiane.
Ve la consiglio davvero: vivendo in un paese nel quale esistono quasi 600 tipologie di formaggio riconosciute, a volte non è facile fare una scelta (giusta al momento giusto!). Quindi la guida ci può veramente aiutare a capire qualcosa in più su come muoverci in questo mondo grasso ma estremamente goloso.

Dal comunicato stampa:
"Roma, 27 febbraio. Presentata la prima edizione della guida Formaggi, i migliori d’Italia 2012. Per la prima volta vengono valutati e riuniti in una guida i derivati del latte e giudicati attraverso gradini di degustazioni e assaggi che hanno portato all’assegnazione dei 3 spicchi e alla proclamazione dei fuoriclasse.


220 aziende, 316 formaggi, regione per regione, azienda dopo azienda, vengono fornite le analisi organolettiche dei singoli prodotti, le indicazioni di lavorazione, la stagionalità, il tipo di latte e gli abbinamenti ideali. Ogni regione è corredata da i “luoghi del formaggio” (i ristoranti dove gustarli al meglio) e da consigli che vanno “oltre il formaggio” ovvero i negozi dove comprare, oltre il formaggio, i prodotti che meglio vi si abbinano come panetterie, gastronomie, birrifici e pasticcerie.


Premio speciale per 17 formaggi definiti “fuoriclasse”, identificati con il simbolo dei 3 spicchi su un tagliere, prodotti che fra tutti si sono distinti per bontà, equilibrio ed eleganza (vedi allegato).


Tra questi primeggia la regione Emilia Romagna con 3 premiati, seguita dalla Basilicata e dalla Campania.


La classifica dei formaggi premiati con i 3 spicchi, invece, vede in testa il Piemonte con ben 17 prodotti premiati, seguito dalla Lombardia con 12, dalla Basilicata con 11 e dalla Puglia con 9."



Continua...

domenica 4 marzo 2012

Buon compleanno, Stefania!





...in principio fu la celiachia.
"Intolleranza al glutine"era la traduzione del linguaggio comune, ma per gran parte di noi, non si andava oltre questa scarna definizione. Certo, potevamo vantare di conoscere qualcuno che ne soffriva: una lontana parente, un compagno di classe della figlia, la vicina del quinto piano. Ma, all'atto pratico, il nostro interesse nasceva e e si esauriva in pochi gesti di cortesia, una telefonata ogni tanto, un post it sul frigorifero col numero della pizzeria per le cene di classe perchè lì fanno la pizza anche per i celiaci, un'occhiata incuriosita alle borse della spesa della dirimpettaia, con quelle strane marche di farina che non trovavano posto nella dispensa di casa tua. Ma una volta riagganciata la cornetta, accartocciato il post it, accostata la porta di casa, non ci si pensava più. E la celiachia- e tutto quanto vi girava intorno- restavano del tutto chiusi fuori.


Poi, è arrivata Stefania.
All'inizio era un blog di cucina, ma già alla terza riga si capiva da subito che non era uno dei tanti. Così come, già alla terza riga, era chiaro da subito che Stefania non era una delle tante- ma una persona rara e speciale, che trasformava quello che altrove era una lettura piacevole in cinque minuti di allegria, irrinunciabili, imperdibili, impreziosi. Le sue ricette parlavano della sua famiglia, dei pancakes di Salvatore alla domenica mattina, delle peripezie scolastiche dei suoi bambini, degli alti e bassi della sua vita di insegnante, il tutto intrecciato sul filo senza glutine della celiachia. Che ci è stata raccontata, giorno dopo giorno, senza proclami, senza crociate, senza paroloni, senza vittimismi, senza tecnicismi, ma con la forza di chi tutti i gorni combatte una battaglia contro una malattia che non fa sconti a nessuno.


Da allora, la celiachia per noi ha gli occhi, il volto, il sorriso di Stefania. Attraverso le pagine del suo blog abbiamo imparato a riconoscere che questa "intolleranza" al glutine è in realtà una malattia; a rispettarla nella sua gravità; a non demonizzarla, senza per questo sottovalutarla; a non discriminare chi ne è affetto; a discernere fra un'informazione corretta e un'altra che, invece, non lo è per niente; grazie a lei abbiamo conosciuto altri blog di altre nuove amiche, anch'esse celiache, che conidividevano con lo stesso spirito le sue stesse battaglie; e soprattutto, grazie a Stefania, ci siamo addentrati sempre di più nelle pieghe di un nuovo modo di intendere il gluten free che, dietro alla cordialità di un invito ("cuciniamo per tutti!"), nasconde un messaggio etico profondo, che parla il linguaggio di cui Stefania è maestra: qeullo dell'accoglienza, della non discriminazione, dell'ineffabile capacità di farti sentire unico e raro e al centro delle sue attenzioni.


Questo libro contiene una selezione delle ricette che ci sembra esemplifichino al meglio la sua filosofia: per noi, è un tributo, doveroso e commosso, al coraggio, alla tenacia, all'impegno con cui questa piccola grande donna porta avanti ogni giorno un messaggio educativo che parte dall'alimentazione per toccare corde più intime e più importanti. Ma è anche un augurio, di un primo passo verso le grandi soddisfazioni che merita e che tutti noi desideriamo che abbia, dal profondo del cuore.

Buon compleanno, Stefania!

                                                                                                             prefazione di Alessandra Gennaro



Cara Stefania, posso solo dire che sono davvero felice di averti conosciuta di persona e di potermi vantare della tua amicizia! Buon compleanno e mi auguro che il prossimo anno potremo fare la festa insieme!




.
Continua...

sabato 3 marzo 2012

Sandwich pasquale di colomba con crema di ricotta

Colombe pasquali Loison

L'idea mi frullava in testa già da un pò, di un bel dessert pasquale, una sorta di fusion tra le tradizioni russe e italiane. Poi sono arrivate le colombe. E l'idea ha preso forma.
Forse qualcuno ricorda che tempo fa avevo raccontato qualcosa sui festeggiamenti di Pasqua in Russia, in particolare di un dessert tradizionale, Paska. E' una sorta di "cassata", fatta con il formaggio fresco, aromi, frutta secca, panna acida, burro, uova e zucchero, molto ricca e estremamente gustosa. Per il dessert di oggi ho deciso di alleggerirla, togliendo burro e uova e sostituendo il tvorog con la ricotta. Ecco il risultato, con la solita battutina della mia dolce metà: "Perché l'hai fatta così poca?.."


Continua...
Related Posts with Thumbnails