martedì 9 ottobre 2012

Il mio triste autunno a Mosca in 10 foto. Da orfana.





Oramai sapete tutti  o quasi del perché di questo viaggio improvviso.
Mio papà non c'è più.
La mamma mi ha lasciata 19 anni fa.
E il papà di mia figlia è scomparso 7 anni or sono.
Ho perso tutte le persone care, mi sento più orfana che mai.
Ed è indescrivibile la sensazione di vuoto, di angoscia, del senso di abbandono, della solitudine.
Mi sento essere  letteralmente sospesa tra il passato, il presente e il futuro, e l'unico legame che ho adesso con questo mondo è mia figlia.


                                                     Mosca, sto arrivando...






                               Al cimitero, dove non avrei mai voluto tornare.




             Intanto l'autunno va avanti, e colora la città con le foglie dorate e i frutti rossi



Uno dei giorni sono passata a trovare i miei colleghi nella redazione della rivista gastronomica russa. Metà di loro stava a letto con il raffreddore.




L'autunno in Russia non è fatto solo di sole, di oro e di porpora, ma di freddo, di pioggia, di vento e di grosse pozzanghere dove galleggiano  le foglie abbandonate dai propri alberi...



Per fortuna a Mosca ci sono amici, quelli veri. E non sto parlando della mia storica amica-sorella (34 anni di amicizia non sono spiccioli, eh!), ma di persone che ho sempre piacere di rivedere. Magari a cena, magari anche sbrigativa (relativamente, ovvio!), e con un bel dessert -  la torta di cioccolato con lo zenzero.




Era quasi mezzanotte di un giorno a metà settimana, ma Mosca è sempre viva, trafficata, con il cuore pulsante di una grande metropoli.





Metropolitana, stazione "Majakovskaja". Spaziale, come ha detto qualcuno. Bellissima, come dico io. L'ho sempre amata particolarmente insieme ad alcune altre.




IL giorno della partenza il tempo è diventato matto: il cielo nero e azzurro, con le nuvole candide qua e là; il vento fortissimo, qualsi da uragano, i rari e improvvisi raggi di sole.. Tutto questo creava l'effetto davvero insolito e inquietante...




Adoro le foglie rosse degli aceri. Stranamente quest'anno sono quasi tutti gialli. Perchè?..
Quando tornerò nella mia città serena e spensierata?
Quand'è che finirà quel periodo brutto, bruttissimo che sto ancora vivendo? Cos'altro dovrei bruciare per metterci fine?
Quando e dove troverò la forza di cambiare?
Quando potrò risorgere dalle ceneri?

La Rossa non è più quella di una volta, chissà come sarà quella nuova...


26 commenti:

Amaradolcezza ha detto...

Ti abbraccio forte forte Giulia!!

Giulia

Ilaria ha detto...

Un abbraccio forte.

Love at every bite! ha detto...

ti abbraccio forte.

Doriana ha detto...

Ti abbraccio, Giulia!

fiOrdivanilla ha detto...

Puoi essere come una fenice. Io credo in te, puoi risorgere.
Ti voglio bene Giulia.

Stefania ha detto...

tesoro, vorrei offrirti una spalla su cui piangere, temo però che annegheremmo nelle nostre lacrime. È dura. Ma ce la faremo. Ti abbraccio

LISA51@email.it ha detto...


Mi dispiace,so cosa provi,vorrei tanto poterti confortare con belle parole,non posso,in questo momento è il silenzio che detta parole.Lisa

Dolci a gogo ha detto...

Un abbraccio immenso tesoro...mi dispiace tanto per il tuo papà ma sono sicura che troverai la forza dentro di te per superare questo triste momento!! Tvb, Imma

Alex ha detto...

Mi dispiace molto Giulia, ti auguro tanta forza e ti abbraccio.
Alex

Luciana_DTT ha detto...

Mi dispiace !

Ciboulette ha detto...

Cara Giulia, un abbraccio forte forte. Elvira

I fiori di loto ha detto...

Probabilmente non ci sono parole per confortarti ma ricordati che tanti piccoli cuori in questo momento stanno pensando a te e cercano di mandarti la loro forza con un pensiero o con un abbraccio virtuale.
La vita a volte è dura, ma sono sicura che in futuro ti aspetteranno da qualche parte dei momenti felici..
Baci Paola

Alessandra Gennaro ha detto...

la Rossa nuova sarà ancora più bella di quella vecchia. Perchè l'unico modo per sopravvivere al dolore è trasformarlo in risorsa: si diventa più sensibili, più indulgenti, più saggi. Si recupera il passato in un modo nuovo, si perdonano vecchi torti, si smussano gli angoli di antichi rancori, che in questa nuovaluce sembrano stupidi e vuoti. E si ama di più la vita, con tutte le sue contraddizioni, le sue salite, i vuoti di queste assenze con cui bisognerà imparare a convivere, ancora una volta.
Sei una donna forte e buona, Giulia: ce la farai.

Elena ha detto...

Vedrai che la nuova Rossa sarà ancora più forte. Un abbraccio

Luna Nera Azzurra ha detto...

Tesoro, non lo sapevo... mi spiace tantissimo, mi spiace per tuo padre che è appena andato via, ma anche per il grande dolore che hai provato nella tua vita. Ti abbraccio forte forte, come quando ci siamo conosciute. <3

ele ha detto...

purtroppo conosco il dolore che stai provando, ti sono virtualmente accanto, se vuoi, e ti abbraccio, più forte che posso. ele

Daniela ha detto...

Giulia, il tempo ti consentirà di risorgere e brillare, come hai sempre fatto.... solo di un rosso diverso, non meno brillante! Coraggio, testa alta, sorriso e tanta, tanta , tanta pazienza soprattutto verso te stessa. Un bacio grandissimo
Dani

Gio ha detto...

un abbraccio forte Giulia!
troverai la forza di andare avanti
io i miei cari li porto sempre con me, nei miei gesti, nel mio cuore

Concetta ha detto...

Ciao Giulia è molto triste la tua storia..una storia comune a tante persone...ora ti sembra che tutto sia senza colori intorno a te, ma credimi, arrivera un giorno che ti vedrai circondata da un grande arcobaleno...ti seguo da tempo e ti auguro sinceramente tutta la serenità di questo mondo.
Coraggio......

Lefrancbuveur ha detto...

Non sapevo nulla e mi dispiace tanto: ti sono vicino.
Enrico

patriziamiceli ha detto...

Giulia mi dispiace molto, ho letto ora su fb la tua tristezza, ora capisco, sono davvero commossa dalle tue parole...vedrai che piano tutto tornerà alla "normalità" é la vita e tu ,da quel che ho imparato a capire, leggendoti, sei una donna solare e coraggiosa...ce la farai! ti abbraccio

Anonimo ha detto...

Un abbraccio. Ti ho conosciuto qui e in televisione sul Gambero Rosso sei una donna dolcissima e forte. Ti prego trasmetti il ricordo di tuo padre a tua figlia ê la cosa più bella che ha fatto mia madre con me. Ciao Giulia

enza ha detto...

Giulia dopo una serata passata con un amico che so che tra pochissimo non ci sarà più mi si stringe il cuore per te e sento dentro la pelle il senso di angoscia che hai cercato di trasmettere. Non c'è un modo, non c'è un tempo e forse non c'è nemmeno una nuova Rossa, mi auguro ci sarà una Rossa più forte e con la sua esplosività ancora lì. un abbraccio

enza ha detto...

Giulia leggo adesso il tuo post e capisco il tuo stato d'animo. specie dopo una serata passata con un amico che tra pochissimo non ci sarà più a far tutti finta di essere felici ma con il magone nel cuore. Rossa c'è e forse non sarà nuova ma solo diversa. ma c'è. un abbraccio

eli ha detto...

Ti conosco solo attraverso le pagine del tuo bel blog, e mi sei sempre apparsa come una donna meravigliosamente serena, non sapevo di tutta questa sofferenza di cui mi dispiace tantissimo.
Ti auguro di tornare presto a sorridere insieme a tua figlia.
Un abbraccio!

edvige ha detto...

Giulia un abbraccio forte da una nonnam ci sono momenti che nche le parole non sono sufficienti ma per quel poco che ho capito leggendo di te attraverso i tuoi post sono sicura che risorgerai forte senza però dimenticare nulla e la nostra forza sta proprio in questo...non dimenticare ma andare avanti i nostri cari lo vogliono e sarebbero tristi nel di là a vedere che soffriamo e quindi il ricordo non limpido nel ricorarli di come erano e la gioia che ci hanno dato.
Ciao cara buon rientro.
Edvige

Related Posts with Thumbnails