lunedì 26 settembre 2011

Workshop in un tranquillo sabato pomeriggio o degustazione di cucina russa -2



Forse qualcuno si ricorderà della degustazione di cucina russa di un paio di mesi fa a casa mia per alcuni amici. Già allora avevamo deciso di organizzare la seconda sessione, e, finalmente, abbiamo scelto la data: sabato 24.  La particolarità di questo incontro era nel fatto che avevo proposto di non limitarci ad una "semplice" cena, ma impegnare il pomeriggio nel workshop. Insomma, volevo far lavorare e divertire i miei ospiti. Che dire? Ce l'abbiamo fatta! Non ricordo di aver riso così tanto ultimamente, ma anche loro se la sono proprio gustata, la giornata! (Vero??)
Nel programma c'era:


se il tempo permetteva, vederci in mattinata per andare al mare
un pranzetto veloce
"lavori in corso" nel pomeriggio, accompagnati da un bicchiere di qualcosa di buono
cena
dopocena ecc

Per il tema del workshop ho scelto i pelmeni, una sorta di ravioli russi. Di solito sono ripieni di carne o di un misto tra manzo, maiale e pecora, ma si fanno anche con le patate, con i funghi, con i cavoli, con il pesce, persino con le amarene o il formaggio fresco dolce.
Quelli in foto sono ripieni di salmone con l'aneto.


Mentre gli altri lavoravano, come Anna..


...Enrico...


...Maurizio...


... io me ne stavo con le mani in tasca, a fare la supervisione! ahahahah!! D'altronde, per me non c'era posto, e poi chi è che doveva imparare?


Enrico invece si era dimostrato, con la mia grande sorpresa, il più creativo, anche se brontolone (simpaticissimo!)


e dagli avanzi della pasta ci ha creato due gallette, una con il resto della carne e l'altra con il pesce



Ma la volete, la ricetta di pelmeni? Credo proprio di si, è un piatto buonissimo, versatile e molto conviviale.


Pelmeni (per 70-80 pezzi circa, noi abbiamo fatto la doppia porzione)

per la pasta:
250 g di farina
1 piccolo uovo
90 ml di acqua gelata

per il ripieno di carne:
1 cipolla
250 g di manzo
200 g di maiale
150 g di pecora
80-100 ml di acqua
sale
pepe

per il ripieno di pesce:
250 g di salmone crudo
1 cucchiaio di aneto tritato
sale
pepe

per il ripieno di patate e funghi:
2 patate
10 g di funghi porchini secchi
2 cucchiai di burro
sale
pepe

- mescolare l’uovo nell’acqua.

- disporre la farina setacciata a fontana, versare l’acqua e impastare velocemente. La pasta deve essere abbastanza dura.

- formare una palla, coprire e lasciare riposare per una mezzora.

- nel frattempo preparare i ripieni: macinare tutti e tre tipi di carne con la cipolla, aggiungere sale, pepe e versare l’acqua. L’impasto deve essere morbido e leggero.

- ammollare i funghi nell'acqua calda per 1 ora, strizzarle e tritare finemente. Lessare le patate con la buccia, passarle nello schiacciapatate, aggiungere burro, sale, pepe, funghi e mescolare

- eliminare la pelle e le lische al salmone, tritarlo con un coltello, unire l'aneto, il sale e il pepe e mescolare

- stendere la pasta molto sottilmente, ritagliare i cerchi di 5 cm circa.

- sopra ogni cerchio mettere una pallina di carne, piegarlo a mezzaluna, cercando di togliere l’aria e unire i due lati opposti (più o meno come nel tortellino).

- sistemare i pelmeni sul vassoio spolverato di farina (a questo punto si possono anche surgelare).

- cuocerli nell’acqua salata 4-5 minuti. Scolare, mettere nel piatto e servire con il brodo.

Quasi dimenticavo: non è obbligatorio servire i pelmeni nel brodo, sono ottimi anche con una noce di burro o una cucchiaiata di smetana (panna acida)


sotto ci sono alcune foto fatte durante il processo




Il nostro creativo però si era dimostrato anche ribelle e ha dato le forme più strane e divertenti ai piccoli poveri pelmeni!


Anna mentre manda quella foto in diretta...


Naturalmente, non potevano mancare le aringhe, ma stavolta erano in pelliccia visto che sta arrivando l'inverno. Ma non è vero, è solo uno dei piatti tipici, e il bello che piace assolutamente a tutti! Se volete, leggete la loro piccola storia

Oltre a questo nel menù c'era una buonissima zuppa di crauti e funghi servita con la panna acida (e che non ho fotografato, ma vi darò la ricetta) e per finire abbiamo mangiato una profumata torta di mele e il delicato crème caramel che ha portato Anna. Il tutto è stato innaffiato da ottimi vini e champagne, frutto di impegno dei nostri due sommelier, Enrico e Maurizio.


Alla fine mi hanno fatto impazzire di tutto: di gioia, di risate, di divertimento... Peccato che anche stavolta sono mancate alcune persone ( e loro sanno chi sono!), ci tenevo moltissimo.

Grazie, amici!



P.S. Le foto fanno pietà, lo so, ma chi aveva voglia di impegnarsi a scattare quando c'era ben altro da fare?? Abbiamo dimenticato di riprendere le bottiglie vuote, ma ce l'ho ancora, più tardi documento tutto e aggiorno il post.


.

11 commenti:

saporitoblog ha detto...

Buongiorno, già all'opera eh? Non vedevo l'ora!
Giulia, che dire: impastare insieme, cucinare con gli amici blogger, scegliere i vini, commentare i sapori, condividere emozioni e piaceri della tavola e soprattutto divertirsi come pazzi ad ammirare le creazioni di Enrico... tutto questo non ha prezzo! :-)
Grazie ancora a te ed a Stefano per l'ospitalità impeccabile.

P.S. La prossima cena con la carta delle acque, però eh?!? ;-)

Giulia ha detto...

Maurizio, mi verrebbe da finire " .. per tutto il resto c'è Mastercard!" ahahahah!!!!
Grazie a voi, di cuore!
Ma .. l'acqua, almeno la prendiamo con le bollicine? :-))

saporitoblog ha detto...

Bollicine tutta la vita! E qui ci vuole la Mastercard Platinum... ;-)

Giulia ha detto...

Già, per fare una visitina da Del Gatto!

Francesca ha detto...

Noooo, le immagini sono bellissime: istantanee di una giornata speciale!!!
La versione funghi e patate mi ispira proprio tanto!!!
Complimenti per tutto!!
Franci

dolci a ...gogo!!! ha detto...

Deve essere bellissimo passare una giornata cosi piena e ricca di momenti di gioia!!!Bella la ricetta la segno subito!!Tvbbbbbbbbb,baci,Imma

Rossella ha detto...

Il lavoro di supervisione ed assaggio è quello che preferisci :)
Un gran bel workshop, a parte gli scherzi. Pelmeni: una ricetta da tenere da parte. E' sorprendente quante varietà di pasta fresca esistano e ognuna con un suo fascino.

Gio ha detto...

che buon workshop con assaggio finale! :D
complimenti!

Max ha detto...

Adoro le serate così...fantastic...ciao.

Giulia ha detto...

Francesca, grazie!

Imma, ti aspetto ancora, da due anni! :-))

Ross, non posso darti torto, sono le attività più appaganti!

Giò, grazie! Ma non mi avevi promesso di fare un salto a Roma?

Max, magari la prossima volta sarai dei nostri!

Paola ha detto...

ma che bellissima idea che hai avuto! dalle foto mi sembra che si siano davvero divertiti i tuoi ospiti!

complimenti :-)

Related Posts with Thumbnails