mercoledì 9 febbraio 2011

Brasato alla Provenzale – Boeuf à la Gordienne



Buongiorno!
Sapete una cosa? Il mio mandorlo ha deciso di fiorire! Era ora, anche perché l'anno scorso l'aveva fatto qualche giorno prima! Si dovrebbe sentire l'aria primaverile, le previsioni meteo dicono di aspettare addirittura 19 gradi, ma per me fa ancora freddo, la primavera è lontana e ho voglia di restare al calduccio, con un tè caldo o un piatto di brasato profumato ed energetico, proprio quello che vi presenterò oggi. Invece ho un bel pò di lavoro da fare, quindi, al bando la pigrizia!

Ma prima di passare alla ricetta vorrei fare un piccolo annuncio, anche se mi dispiace molto. Per problemi tecnici sono costretta di annullare la lezione di cucina da Carola. Ovviamente, scriverò in privato a tutti quelli che si erano già prenotati.

Comunque, se siete interessati, più avanti, verso fine marzo- primi di aprile, possiamo organizzare una lezione di cucina di Pasqua, sempre nella casetta delle pesche! Fatemi sapere!







Brasato alla Provenzale – Boeuf à la Gordienne

800 g di manzo
250 g di carote
1 cipolla con 2 chiodi di garofano
3 spicchi di aglio tagliati a metà
bouquet garni (rosmarino, timo, 2 coste di sedano, 1 foglia di alloro, 2 strisce di scorza d’arancia)
0,5 l di vino rosso non troppo corposo
3 cucchiai di aceto di vino rosso
100 g di pancetta a cubetti
4 cucchiai di olio evo
2 cucchiai di farina
sale
pepe

- tagliare il manzo a cubetti non troppo grandi, di un paio di cm

- porre la carne in un contenitore, versare il vino e l’aceto, aggiungere il bouquet garni, l’aglio e la cipolla chiodata, mescolare e lasciare a marinare per 12 ore nel frigo

- trascorso il tempo, togliere la carne dalla marinata e asciugarla

- scaldare l’olio in una cocotte, aggiungere le carote tagliate a pezzetti con la pancetta e rosolarli entrambi, poi togliere e mettere da parte

- infarinare leggermente la carne e rosolarla poco per volta nella stessa cocotte, poi rimettere le carote, la cipolla e l’aglio della marinata e versare il liquido, salare e pepare

- coprire e cuocere a fiamma bassa per 3 ore circa


23 commenti:

Milen@ ha detto...

E' da preparare di sera per l'indomani e sarà un piacere toranre a casa sapendo che si dovrà semplicemnte scaldare un paitto così ricco :D

kristel ha detto...

Davvero un bel piatto! Non mi sono mai cimentata nel farlo ma c'é sempre una prima volta, giusto? Me lo segno! Baci!

Onde99 ha detto...

E'molto simile al boeuf bourguignon, personalmente adoro la magica cremina che le carote formano quando, in parte, si sfaldano in cottura!

Stefania ha detto...

Bella ricetta Giulia da provare in questa versione il Manzo, ciao

Manuela e Silvia ha detto...

Ciao! molto buono questo brasato: gustoso e profumatissimo!
un'ottima variante che proveremo!
bacioni

Ramona ha detto...

Finalmente un nuovo contest! Farina, lievito e fantasia in collaborazione con Emile Henry ha organizzato uno straordinario contest “Frutta in pentola”, dove la protagonista indiscussa è proprio la frutta, sia fresca che secca. I premi? Beh ti invito a sbirciare nel blog, ti aspetto http://farinalievitoefantasia.blogspot.com/2011/02/contest-frutta-in-pentola.html

Genny @ alcibocommestibile ha detto...

bello lo spezzatino così! e bello il mandorlo....io ho cercato per mesi fiori di mandolro per una ricetta....ma qui intorno pare non ce ne siano:Dbaci rossi!:D

Rossella ha detto...

Il brasato da veramente quella sensazione di calduccio, che chi sente ancora l'inverno addosso ha bisogno.
Il tuo programmi di lezioni non conosce sosta. Intoppi e non intoppi è una fama meritata. La tua lezione la ricordo ancora benissimo.

Elga ha detto...

Proprio nelle mie corde la tua ricetta di oggi :P

Mirtilla ha detto...

quanto mi prende questa ricetta tesoro!!
appena finisce questo lazzareto a casa e posso uscire a fare un po'di spesa decente,prendo il necessario,voglio provarlo!!

dolci a ...gogo!!! ha detto...

avverto la stessa sensazione di freddo anch'io tesoro nonostante anche qui fa caldo nn so sarà che ci dobbiamo climatizzare???un brasato cosi riscalda l'anima e lo stomaco direi:D ci vorrebbe proprio un bel piatto adesso....bacioni
tvb, imma

CorradoT ha detto...

Bello, bello, bello. Da salivazione eccessiva sulla tastiera....
Bello anche quel raggio di sole sul piatto!!
Ciao :)

chechi ha detto...

wow! questa carne sembra buonissima, e la rosa è una fantastica promessa di primavera!

Passiflora ha detto...

buoono... da pranzo della domenica!

Patrizia ha detto...

Che buono, Giulietta!!
Profuma di casa e di calduccio! Oggi qui tempo bellissimo...ma io ho un freddo e un sonno che paio un'ora in letargo...
Finalmente un attimo di tempo per girellare tra i blog...e venirti a trovare!
Un bacio grande

Eleonora ha detto...

Che bello il mandorlo in fiore...la primavera arriva!!
stupendo piatto quello che ci presenti e che foto meravigliosa, complimenti.
bacioni, a presto!

Erica ha detto...

bellissimo il mandorlo in fiore :)
ancora è un pò presto per la primavera ma vedere che le piante iniziano a muoversi è bellissimo :D
la ricetta è stupenda immagino saporito il tuo brasato :)

gloria cuce' ha detto...

Che belle foto e che buona ricetta, complimenti!

ilcucchiaiodoro ha detto...

Che bello il tuo mandorlo!! Io qui ho ancora tanto freddo!!!
Mi piace molto questo tuo brasato e poi cotto nella cocotte deve essere proprio il massimo!

Donatella

Gio ha detto...

belli imandorli in fiore!
ottimo il boeuf à la gordienne, mi piace!
ps ho anch'io ricevuto da poco il mio bel set di zwilling, coltelli fantastici!

Anonimo ha detto...

Sicuramente... DA PROVARE ! Complimenti ! Roberto

luna ha detto...

Ciao! Ieri sera ho provato il tuo brasato: STREPITOSO!!! :D grazie!!!
(avrei potuto ringraziarti su FB ma ho preferito farlo qui, è più giusto!) Baci

Giulia ha detto...

Luna, ma come sono contenta!!! Prego! Sono davvero felicissima che ti sia piaciuto!

Related Posts with Thumbnails