lunedì 14 settembre 2009

Pirog con il cavolo e... come vincere un libro?...



Basta (per il momento!) con le recensioni dei ristoranti, è ora di ritornare nella propria cucina!

Si potrebbe chiamarlo "pirog del cavolo", ma nel senso buono. Qui avevo già parlato dei pirozhki, una bella e gustosa tradizione di cucina della mia Russia, ma forse dovete sapere che c'è una variazione sul tema ancora più tradizionale. Si tratta di pirog, cioè, di una grande torta; in questo caso salata, fatta con la pasta lievitata che all'interno nasconde un ripieno a vostro piacimento: dolce, salato, di frutta o di carne, di pesce o di marmellata.

Ondina, questo link è per te!



Chi mi conosce, sa che la mia anima irrequieta mi porta a sconvolgere tradizioni, usi e costumi (gastronomici), rielaborando ricette e preparazioni senza privarle però della loro essenza.
Infatti questo pirog non dovrebbe essere "scoperto", non dovrebbe assomigliare alla quiche, ma... Non amo troppa pasta, sono di quelli che non mangiano "panino con prosciutto", ma "prosciutto con panino". Quindi la parte importante per me è il ripieno: deve essere tanto e saporito.

Per l'impasto ho usato la ricetta che non contiene uova ( che fanno indurire la pasta troppo velocemente), ma invece dell'acqua qui si usa il latte che regala alla pasta quella tenerezza e sofficità che amiamo tutti. Chiamo quest'impasto "francese" perché l'ho trovato in un bellissimo libro di cucina della Francia, ma l'ho modificato secondo i miei gusti.

Impasto francese

500 g di farina
250-280 ml di latte
7 g di lievito di birra secco
1 cucchiaio di zucchero
1 cucchiaino di sale
1 cucchiaio di strutto

- sciogliere il lievito con lo zucchero in un 1/2 bicchiere di latte tiepido

- versare la farina setacciata a mò di fontana, aggiungere al centro il lievito sciolto, il resto di latte tiepido, il sale e lo strutto

- impastare per benino e lasciare lievitare per 1-1,5 ore


Questo impasto è perfetto per la pissaladière




Pirog con il cavolo

1/2 porzione di impasto francese
1/2 testa di cavolo cappuccio
1 fetta di lardo (50 g) a cubetti
1-2 cucchiai di olio evo
4 uova
1 mazzetto di cipolline verdi
1 cucchiaio di aneto tritato (facoltativo)
100 ml di latte
sale
pepe
noce moscata

- soffriggere il lardo con l'olio, poi aggiungere il cavolo tritato finemente, salare e cuocere per 20-25 minuti sotto il coperchio

- bollire 2 uova per 10-12 minuti, sgusciarli e tagliare a cubetti; tritare le cipolline verdi ( sia la parte bianca sia quella verde) e mescolare con le uova e con il cavolo pronto

- stendere l'impasto in un cerchio e rivestire una teglia di 26-28 cm (leggermente unta)

- battere altre 2 uova, aggiungere il latte, il sale, il pepe, una grattata di noce moscata e l'aneto tritato

- sistemare il ripieno nel guscio di impasto, versare le uova con il latte

- infornare a 220° per 25-30 minuti in parte bassa del forno

- prima di servire, tagliare a spicchi



Diciamo che questo è il piatto unico, a limite si potrebbe servire un pò di insalatina fresca a parte!


Béh, chi mi conosce bene, sa che per farmi felice o per trovare un regalo perfetto per me, deve semplicemente trovare un buon libro di cucina con delle bellissime fotografie!

Pare che che l'iniziativa del Ristorante Castello Malvezzi di Brescia possa soddisfare quelli come me, o almeno un fortunato vincitore. Si tratta di dare un'occhiata quì, per ritrovarsi a seguire i semplici passi per partecipare all'estrazione del libro contenente più di 25 ricette del ristorante Castello Malvezzi.

Buona fortuna ... a me! ;-))

23 commenti:

Elga ha detto...

Questa ricetta è praticamente già copiata nel mio archivio! Troppo buona e bella!

Daphne ha detto...

E' una bella idea proprio perchè l'impasto è simile a quello della focaccia ma con la forma di una quiche ^_^
E' una focaccia ripiena al contrario :D
Come sempre mi piace leggere e scoprire le tradizioni della tua terra di origine :)
Baci

dada ha detto...

Interessantissimo e fa' venir fame! Che bello, ci apri nuovi orizzonti. Le foto sono stupende!

Susina strega del tè ha detto...

bono bono bonooooooo!!!!!!!!!! e non aggiungo altro!! ^^

Federica ha detto...

che splendida ricetta!! la foto della fetta poi è una meraviglia!! mette l'acquolina!

Morena ha detto...

che aspetto delizioso che ha questa sorta di focaccia...e molto interessante l'impasto!!!
che bello conoscere ricette tradizioni, usi ecc di altre nazioni...e tu le sai raccontare molto bene!!

ciao ciao..

Kristina ha detto...

Meravigliosa.. io poi adoro le torte salate! Con la pasta lievitata non avevo mai provato mi sa che la farò presto, ciao Cris

babi ha detto...

Mi piace un sacco leggere le tue ricettine russe. Questa poi sembra buonissima! In bocca al lupo per il contest!

JAJO ha detto...

Ci piace la cucina russa, oramai lo abbiamo appurato... anche "esteticamente" (ma quello dipende.... dalla cuoca :-D)

pinar ha detto...

hai il post olfattivo!
MI SEMBRA DI SENTIRNE IL PROFUMO!!!

Onde99 ha detto...

Grazie, Giulia, sei gentilissima a mettere sempre il link per me! Prima o poi avrò internet anche a casa e allora ti solleverò da questa incombenza, ma fino ad allora, ti prego, non privarmi delle tue bellissime foto! Questa torta salata è fantastica: io amo moltissimo il cavolo cappuccio e sono sempre a caccia di spunti per cucinarlo, non avevo mai pensato di farci una crostata!

il_cercat0re ha detto...

deve essere buonissima! Dovrei approfittare per farla finchè sono dai miei... mio marito non mangia le verdure (sig) per cui poi dovrei sbafarmela tutta io.
Invece la mia famiglia apprezzerebbe non poco!

Claudia ha detto...

E' buonissima questa torta in effetti..... Era ora tornassi a cucinare!! dovre farlo anche io hihihihhi bacioni cara :-)

Paola ha detto...

Bella a vedersi e sicuramente buonissima!! Scusa Giulia mi ero persa la rece di Falalella, uno spettacolo!!! Bacioo

Mariluna ha detto...

potrebbe essere un'ottima cena di stasera che non so' proprio cosa cucinare, varinado il ripieno perché non ho il cavolo ma che mi interessa moltissimo assaggiare!!! Secondo me molto gustoso:D

Buona serata e grazie dell'info!

ilcucchiaiodoro ha detto...

Questa si che è una ricetta del "cavolo" e che nessuno mi venga a dire: e che cavoli!!!!

Giò ha detto...

anch'io prosciutto con panino!!
interessantissima questa torta salata con base lievitata e un ripieno inusuale.

stefi ha detto...

Carissima, da te scopro sempre ricettine particolarissime!!!
Complimenti!!!

mika ha detto...

Oggi mi son fatta fuori mezzo cavolo viola...i cavoli son la mia passione e in genere li mangio così come sono, al naturale, ma ogni tanto ci vuole proprio qualcosa di diverso...questo fa al caso mio...
Mi hai appena ricordato che ho ricevuto anche io una mail per partecipare a questa iniziativa...il premio lo adoro!

Sebastiano Landro ha detto...

E' una ricetta interessante; sono belle le foto.

virgikelian ha detto...

Devo ripetere quello che tutti ti hanno detto : BRAVA !!!
Una torta "pirog" che sarà saporitissima, e le foto fanno venire l'acquolina in bocca, a me che adoro le torte salate.......
Se vuoi, guarda la mia crostata alle zucchine.

Marina ha detto...

Mi sa che questa l'ho mangiata, ripiena di marmellata però, in Germania!
Possibile questo contagio tra cucina tedesca e rusaa? XD

Chissà che buona, salata...!

(ros)marina

Mariù ha detto...

Ma quanto è bella questa ricetta!
Quella montagnella di ingredienti dai colori delicati su questa base morbida e dorata ha un effetto spettacolare!
m.

Related Posts with Thumbnails