domenica 7 dicembre 2008

Calamari con feta alla greca


L'altro giorno, leggendo il post di Mariluna sulla sua prima volta nel ristorantino greco, mi sono abbandonata ai ricordi. A come sono andata mangiare greco la prima volta, anch'io sono capitata in quella tavernetta dove alla fine della serata rompevano i piatti e mi sono divertita da matti a ballare sirtaki insieme agli altri. A come siamo andati in crociera sulle isole greche insieme al mio marito, allora fidanzato, a quanto abbiamo girato, a quante escursioni abbiamo fatto, alle nostre avventure e alle risate. Per esempio, a Santorini abbiamo fatto la discesa sugli asinelli, il mio era piccolissimo, ed io avevo paura che cadesse sotto il mio peso (quasi piuma!) Quel giorno faceva caldissimo, io mi sono messa i pantaloncini molto-molto corti e così alla fine della discesa avevo le gambe rovinate.
3 anni dopo abbiamo fatto un'altra crociera che toccava anche Grecia. Sull'isola di Corfù abbiamo fatto un safari con la jeep, pioviccicava, ma non troppo. Ad un certo punto siamo finiti in un piccolo sperduto villaggio, ci siamo fermati e abbiamo cercato un bar dove prendere il caffé. All'interno del bar c'era una vecchietta di almeno 80 anni, sorrideva sempre e faceva delle risatine da vecchia strega fiabesca. Il primo caffé che ha fatto, l'ha rovesciato perché le tremavano le mani, ma ci sorrideva lo stesso e diceva di aspettare che lo rifaceva. Il caffé, che alla fine abbiamo bevuto, era buono, preparato in quel pentolino alto e stretto, tipico della Grecia, della Turchia e di alcuni paesi mediorientali.

Insomma, troppe cose abbiamo fatto per poterle ricordare di un fiato, tanti paesi abbiamo visitato, tanti piatti abbiamo assaggiato. Tra quelli greci (che tra l'altro trovo molto pesanti) però non ho mai mangiato quello che si dice abbastanza tipico: gamberi arrostiti con feta. Me lo ha raccontato una ragazza che abita su una delle isole, ed un'altra che vive in Cipro. I gamberi non ce l'avevo ieri, ma in compenso avevo dei calamari freschissimi che mi ha comprato e pulito mia suocera.

Il risultato?.. Sorprendentemente buono, non me lo aspettavo!!!

Calamari con pomodori e feta

400 g di calamari puliti
1 scatola di pomodori a pezzi
1/2 peperone rosso
1 cipolla
2 cucchiai di olio evo
origano
prezzemolo
100 g di feta
sale
pepe
zucchero


- affettare finemente la cipolla, soffriggere dolcemente nell'olio. Agiungere il peperone tagliato a piccoli cubetti e saltare 2-3 minuti.

- versare i pomodori, aggoingere un bel pizzico di zucchero e di origano, salare e pepare, cuocere dolcemente 15 minuti.

- tagliare i calamari a tocchetti, aggiungere in padella e cuocere 2 minuti, girando.

- distribuire i calamari coni sugo nelle due pirofile da forno, spolverare di prezzemolo e di feta tagliata a cubetti, versare un filino di olio e infornare a 220° per 15-20 minuti ( fino a quando feta non si dori).


Kali orexy (buon appetito!)



.

18 commenti:

L'Antro dell'Alchimista ha detto...

Una ricetta che racconta di tanti ricordi e tante emozioni! Che bella!!! Buona serata Laura

Mariluna ha detto...

Carissima!!!! mi prendi proprio per la gola qui...un piatto da prendere nota assolutamente e se trovo i gamberi freschi ci provo...la feta non manca mai da me...che ricordi bellissimi...mio marito ha un debito come...quando l'ho conosciuto stavo organizzando una corciera in Grecia con un'amica...mi sono persa nei sui occhi ed ho rinunciato al viaggio...ora sarà lui prima o poi a organizzarlo per me....si!!!! ma quando????
un bacio

Romy ha detto...

Che bella e buona ricetta! Io non sono mai stata in Grecia, ma vorrei al più presto colmare la lacuna, magari non nella stagione più calda...a primavera, deve essere bellissima! E poi, vorrei rispolverare i miei studi classici, proprio per fare un tour archeologico, oltre che gastronomico! Un bacio, e buona serata!

Antonella ha detto...

Giulia....che fortuna hai...tua suocera non solo ti ha pulito i calamari.....ti ha fatto pure le ciambelline!!!;o)
Anche io ho ricordi molto belli della mia vacanza a Santorini....pensa che pur avendo prenotato in un albergo internazionale,ci eravamo tanto affezionati ad una tabepva greca che ci andavamo ogni giorno.....tzatziki...moussaka...pollo...e il vino bianco della casa...ottimo!!!Mi segno la tua ricetta.....bacioni e buona festa!!!

Rossa di Sera ha detto...

Grazie, Laura, sono contenta che ti è piaciuta!

Mariluna, tesoro, quel debito va assolutamente saldato, magari per in vostro prossimo anniversario! Se non trovi i gamberi, i calamari ci stanno veramente bene, non credevo che frutti di mare e feta sono così buoni insieme!

Romy, la prima volta ci sono stata in agosto e ci siamo ammazzati per il caldo, ma in Grecia il caldo non è umido come da noi, quindi è più soppportable. La seconda volta ci siamo stati a maggio, ma faceva un pò freschetto.. Giugno o settembre, forse, sono i periodi migliori.
Ma sai che ti dico?.. Dopo tutti i tesori archeologici italiani quelli greci non mi hanno fatto impressione..

Antonella, posso dire ad alta voce che ho un tesoro di suocera, non si è mai intromessa nella nostra vita, mai detto una parola contro, anzi, mi da sempre ragione. Peccato che non è molto giovane, non sta tanto bene..

Un abbraccio fortissimo!

manu e silvia ha detto...

questo piatto è veramente insolito! Un modo originalissimo per servire i calalmari!
baci baci

Rossa di Sera ha detto...

Grazie, carissime!.. Auguri e buona serata!

Mirtilla ha detto...

ve la copio subito!!amo la feta da morire,e tutte le ricettine che la "coinvolgono"mi catturano ;)

Rossa di Sera ha detto...

Mirtilla, ho come la sensazione che la prossima raccolta sarà la tua, di nome "a proposito di feta!"

unika ha detto...

un post pieno di emozioni e una buonissima ricetta...buona serata
Annamaria

Rossa di Sera ha detto...

Annamaria, grazie per essere passata! Buona serata anche a te!

Sheryl ha detto...

Mi hai anticipata! Hai già visto il tuo premio prima ancora che ti avvertissi! :) Te lo sei meritato proprio! Complimenti anche per questa ricettina!
Un bacio!

Sheryl ha detto...

Mi hai anticipata! Hai già visto il tuo premio prima ancora che ti avvertissi! :) Te lo sei meritato proprio! Complimenti anche per questa ricettina!
Un bacio!

manu ha detto...

bellissima ricetta!!! brava!!! un bacio

Rossa di Sera ha detto...

Sheryl, ma cherie! Ti ringrazio lo stesso del pensiero, mi fa moltissimo piacere!
Un bacione!

Manu, grazie! E ancora in bocca al lupo!
Baci!

Lo ha detto...

che meraviglia tuffarsi nei tuoi ricordi...che bello...non sono stata ancora in grecia ma il richiamo è irresistibile..adoro la loro cucina e le loro danze...il piatto è davvero accattivante un bacione

NIGHTFAIRY ha detto...

Bellissima la ricetta e anche il modo di servirla in piccoli tegami!Li voglio anche iooooo!

Rossa di Sera ha detto...

Lo, carissima, i nostri ricordi sono cose più belle che abbiamo e che nessuna crisi ci farà perdere. Prima o poi la dovrai visitare, la Grecia.

Baci!

Fatina, ma grazie!.. I tegamini così vendono alla Metro, quindi se ha la tessera, facci un salto!