mercoledì 3 settembre 2008

Pizza e fichi, la trasformazione

Veramente fino a poco fà non sapevo che l'espressione "andare a pizza e fichi" significhi "andare alla grande", pensavo l'opposto, tipo "mangiare pane e cipolle". Però ho fatto un pò di ricerche e sono rimasta gradevolmente sorpresa, perché pizza e fichi, uno dei classici di cucina romana, è divinamente buona e merita davvero tutti gli apprezzamenti. In realtà non sono andata a fondo per scoprire come dovrebbe essere fatta esattamente: infornata direttamente con i fichi o no, ma l'ho provata in tutti i modi, trasformandola addirittura in golosi bocconcini da finger food così:



... oppure così:



... ma poi ho fatto pure così:

per l'impasto:

250 g di farina
130 ml di acqua tiepida
1 cucchiaino di sale
1 cucchiaino di zucchero
1/2 bustina di lievito
1 cucchiaio di olio evo

5-6 fichi maturi
4-5 fette di prosciutto di Parma
150 g di fior di latte

- sciogliere il lievito nell'acqua tiepida con lo zucchero. Setacciare la farina in una ciotola, versare l'acqua con il lievito, aggiungere il sale e l'olio e impastare tutto .

- formare una palla, coprirla con un canovaccio e lasciare lievitare per un'oretta.

(io salto tutti questi passaggi perché uso sempre la macchina da pane, la mia fedele alleata)

- riscaldare il forno al massimo con una placca dentro.

- tagliare la mozzarella a fettine sottili e i fichi in rondelle.

- stendere l'impasto su un foglio di carta da cucina, lasciare a riposare finché il forno non si scaldi.

- sistemare il foglio con l'impasto sulla placca caldissima e infornare per 5 minuti.

- sistemare le fettine di mozzarella sulla "focaccia" e infornare per altri 5 minuti a 230°.

- adagiare le rondelle dei fichi sulla mozzarella e infornare 4-5 minuti.

- disporre le fette di prosciutto sulla pizza calda, tagliarla a spicchi e mangiare subito!

.


Nessun commento: